Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Asili Roma, Giudici (PDL): topi ed escrementi al nido di via del Casaeltto


Asili Roma, Giudici (PDL): topi ed escrementi al nido di via del Casaeltto
18/01/2011, 15:01

Roma, 18 gennaio 2011 - “A tre giorni dall’apertura dell’asilo nido Cocco e Drilli, in via del Casaletto, escrementi di topo sono stati trovati sui giocattoli, nelle classi e nei dormitori dei bambini grandi, tra l’indignazione dei genitori e degli operatori scolastici. Nonostante i primi avvistamenti risalgano a ieri, per 15 bambini grandi l’attività didattica si è svolta regolarmente, ma questi sono stati trasferiti insieme ad altri 7 bambini piccoli nella classe di questi ultimi, esposti al rischio di incursione dei roditori”. Lo dichiara in una nota Marco Giudici, consigliere del Municipio XVI del Popolo della Libertà.

“In questa vicenda – prosegue Giudici - le responsabilità del centrosinistra al Municipio XVI sono gravissime. Il presidente e l’assessore alla scuola hanno abbandonato ancora una volta il proprio territorio, lasciando i bambini e gli operatori scolastici in balia di roditori portatori di leptospirosi, tifo ed altre malattie mortali. La struttura è stata consegnata in fretta e furia ai genitori e ai bambini che hanno dovuto abbandonare l’asilo di via Newton per entrare al Cocco e Drilli. Il primo è stato sgomberato, in attesa di una nuova apertura, mentre il secondo è stato ristrutturato e consegnato senza gli accorgimenti strutturali necessari ad evitare un’invasione di ratti e, fatto altrettanto grave, senza un sistema antincendio, dato che gli estintori sono stati accatastati nel cortile e sono completamente scarichi”.

“Da parte dei genitori sono state annunciate denunce ai Carabinieri e la richiesta più pressante è quella di tornare al vecchio asilo di via Newton. Personalmente – conclude la nota - presenterò un esposto al presidente del Municipio, alla Asl e ai Vigili del Fuoco per denunciare queste gravissime condizioni e per chiedere la chiusura e la messa in sicurezza della scuola e il trasferimento temporaneo dei bambini presso l’asilo di via Newton”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©