Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le due maestre hanno passato la notte in carcere

Asilo di Pistoia: i video shock dei maltrattameti ai bimbi


Asilo di Pistoia: i video shock dei maltrattameti ai bimbi
03/12/2009, 20:12

PISTOIA - Schiaffi sulla testa di bimbi di 10 mesi che si rifiutavano di mangiare e vomito fatto ingurgitare ai piccoli che venivano colti da malore. Questi sono solo alcuni degli intollerabili particolari emersi dai video-shock che, gli inquirenti, hanno messo a disposizione dei genitori che hanno chiesto di visualizzarli. I commenti di madri e padri, come intuibile, sono molto forti:"O ci pensa la polizia a far giustizia o ci penseremo noi"; dichiara infatti una mamma inorridita dalle immagini catturate dalla telecamere nascoste. Intanto, le due maestre arrestate nei giorni scorsi, hanno passato la notte in carcere. Le indagini sono partite in seguito ad una segnalazione partita nel mese di agosto. Secondo la denuncia, nella struttura che ospita 30 bambini e che è retta da tre educatrici ed un cuoca con una retta mensile di 350 euro compreso il vitto, i bambini venivano probabilmente sottoposti a maltrattamenti continui. I piccoli infatti mostravano regressione del linguaggio, rifiuto del cibo e disturbi del sonno. Poi, qualche spalla lussata e del vomito fatto mangiare ad un bimbo, avevano fatto  decidere, inizialmente, per un richiamo ufficiale alla direttrice da parte del Sindaco di Pistoia in persona che ha chiesto il severo "rispetto di certe garanzie" ed ha espresso tutto il suo rammarico per una situazione che era "una macchia per tutta la città". Da sospetti ed avvertimenti si è infine passati alle telecamere nascoste che, nel giro di breve tempo, hanno dimostrato l'inconfutabile colpevolezza delle due maeste Elena Pesce ed Anna Laura Scudieri.
"Abbiamo detto alla polizia: o fate giustizia voi o ce la facciamo da soli perché quelle due non devono più poter camminare con le loro gambe", ha affermato una giovane coppia , visibilmente sconvolta. "Le immagini sono nitidissime - Ha detto in preda alla rabbia la mamma -.
Abbiamo visto Laura Scuderi prendere per i capelli mia figlia che ha 14 mesi con una tale violenza che ha sollevato il seggiolone. Poi, tenendole la testa reclinata indietro, l'ha ingozzata di cibo e le ha premuto il bavagliolino sul viso per non farla sputare. Quella non è una donna, è una bestia. E alle mamme che pensano che la polizia abbia sbagliato ad arrestare la Scuderi e la Pesce, dico di guardare quelle immagini: era un lager non un asilo".

UN BIMBO SOLLEVATO PER I POLSI
In un altro video si vede chiaramente un bambino di meno di 12 mesi seduto su una sediolina che piange. Dopo pochi istanti in piccolo viene sollevato  per i polsi da una delle due maestre che lo fa piegare su un braccio e lo picchia. Successivamente lo libera, lo rimette seduto e continua a percuoterlo.

ALCUNI GENITORI DIFENDEVANO LE MAESTRE
Eppure, prima della diffusione dei video, diversi genitori avevano difeso le due arrestate parlando di "Invidia di qualcuno, invidia di persone che voglio il male degli altri". Le immagini girate dalle telecamere nascoste, però, hanno smentito coloro i quali dubitavano dei pessimi e virulenti metodi educativi della Pesce e della Scudieri e ora, le due donne, rischiano il linciaggio (reale prima che mediatico).

LA BIMBA CHE HA FATTO SCATTARE L'ALLARME
A far decidere definitivamente per l'inserimento delle telecamere nascoste era stato il comportamento piuttosto singolare di una bambina che, al rientro dall'asilo "Cip e Ciop", si precipitava a chiudere nell'armadio la sua bambola. La madre, insospettita da quel gesto così regolare ed insolito, aveva chiesto chiarimenti al fratellino. Secondo il bimbo, all'asilo, la maestra faceva lo stesso con la sorella. I poliziotti infatti hanno spiegato che "Le due maestre lo facevano con lei, e per la piccola, dunque, questo era un comportamento giustificato".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©