Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Bloccati i pagamenti delle indennità: 150 euro

Asl Na1: ancora tagli, riprendono le proteste


.

Asl Na1: ancora tagli, riprendono le proteste
22/11/2010, 17:11

NAPOLI – Un’altra tegola si abbatte sui dipendenti dell’Asl Na1. Questa volta si tratta degli incentivi legati alla produzione. Una somma che, all’incirca, si aggira sui 150 euro e che dal prossimo mese sarà eliminata dalla busta paga dei dipendenti dell’Asl più grande d’Europa. Il motivo è presto detto: i conti non quadrano, bisogna tirare la cinghia e fare economia riducendo all’osso le spese accessorie.
Il taglio degli incentivi e delle indennità, però, potrebbe avere ripercussioni catastrofiche. Per capire il reale impatto sulla busta paga dei dipendenti bisogna fare un salto indietro, perlomeno a quattro anni fa circa, quando c’era da adeguare lo stipendio degli infermieri. Non ci fu nessun adeguamento economico, si preferì provvedere col “contentino” dei premi produzione. In altre parole, le sigle sindacali principali accettarono un accordo che non prevedeva un aumento di stipendio, ma che includeva il premio di produzione, da calcolare anche tenendo conto delle ore di straordinario fatte dai dipendenti.
Con lo straordinario bloccato (sempre per esigenze di bilancio) e il premio di produzione che va a farsi benedire, i dipendenti si ritrovano quindi con uno stipendio (da contratto) che è rimasto uguale a quattro anni fa e che resterà tale per altri quattro anni, viste le successive necessità sopraggiunte per rientrare dal deficit sanitario.
Su uno stipendio di circa 1200 euro, 150 euro in meno pesano eccome. Pesano sul bilancio familiare e possono stravolgere il piccolo equilibrio casalingo: non è facile ritrovarsi da un momento all’altro senza quella che potrebbe costituire la rata di un’automobile o di un mutuo.
Questa mattina la protesta è divampata all’interno dell’ospedale San Paolo, i cui dipendenti hanno proclamato l’assemblea dalle 10.00 alle 12.00. Nei prossimi giorni sono previste iniziative analoghe negli altri ospedali afferenti all’Asl Na1.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©