Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Assocasa attacca il comune sugli sfratti


Assocasa attacca il comune sugli sfratti
23/11/2009, 15:11

Ci risiamo, ancora una volta, il prossimo 31 dicembre, sta per scadere la ventesima proroga degli sfratti per i soggetti deboli (anziani, portatori di handicap con basso reddito) ma non ci sono ancora risposte dal Comune di Napoli al forte disagio abitativo che si vive in città.
L’Assessore al Comune di Napoli, l’avv. Prof. Marcello D’Aponte, meglio non ha saputo fare che convocare per domani l'ennesimo tavolo con  tutte le Organizzazioni Sindacali degli inquilini e associazioni dei proprietari, probabilmente, per fare il solito piagnisteo. Infatti non ci risulta che ci sia una proposta risolutiva del problema da parte del Comune.
"L’Assocasa -ha dichiarato il segretario provinciale, Luigi Rispoli- parteciperà alla riunione ricordando all’Assessore le soluzioni che avrebbero da tempo dovuto assumere sia il  Comune di Napoli che la Regione Campania per avviare a soluzione il problema degli sfratti.
Questo atteggiamento omissivo del Comune di Napoli e della Regione Campania è la fotografia della sensibilità e dell’interesse che hanno per risolvere definitivamente la questione sfratti, che si trascina da troppo tempo danneggiando sia i proprietari che aspettano di ritornare in possesso dei propri immobili che gli stessi inquilini  che temono l’arrivo dell’ufficiale giudiziario per l’esecuzione dello sfratto. Non e' più sufficiente, infatti, semplicemente spostare la scadenza della proroga degli sfratti, serve un intervento serio e immediato per dare realmente una casa ai napoletani che ne hanno bisogno".
Si ricorda che il Comune di Napoli è proprietario di circa 40.000 alloggi ERP, dei quali ogni anno se ne liberano fisiologicamente circa 1000 ed entrano o nel mercato della “compravendita” o sono occupati abusivamente. Tutto cio' accade  anche perché il Comune di Napoli da anni non pubblica un bando per l’assegnazione degli alloggi e procede con modalita' di dubbia legittimita' alla assegnazione di quelli che vengono liberati.
In sintesi sul problema sfratti il Comune di Napoli e la Regione sono arrivati alla “frutta”.
L’Assocasa si impegna a chiedere al tavolo un documento che proponga delle soluzioni reali e concrete, e non la solita richiesta della proroga al Governo (sarebbe la ventunesima).
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©