Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Assocasa: "Il contenzioso tra comune e Romeo non ricada sugli inquilini"


Assocasa: 'Il contenzioso tra comune e Romeo non ricada sugli inquilini'
09/07/2011, 15:07

Il Sindacato Inquilini Assocasa, aderente alla UGL, è intervenuto sulla vicenda del contratto tra Comune di Napoli e Romeo per la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica messo in discussione dalla nuova amministrazione comunale.

“Esprimiamo una forte preoccupazione -ha detto il segretario provinciale dell'ASSOCASA, Giovanna Rispoli- per l'acuirsi della tensione tra Comune di Napoli e la società dell'imprenditore Alfredo Romeo che gestisce il patrimonio immobiliare di palazzo S. Giacomo.

Non intendiamo in alcun modo difendere la Romeo e condividiamo a pieno le valutazioni che la nuova amministrazione comunale ha fatto circa il contratto che regola i rapporti tra le parti troppo sbilanciato a favore del soggetto gestore. Un contratto, che giova ricordarlo, in questi anni ha avuto ripercussioni molto negative sulle relazioni tra Romeo e l'inquilinato che ha dovuto subire vessazioni di ogni genere per il potere che quegli accordi concedevano al gestore.

Del resto -ha continuato l'esponente sindacale- non abbiamo mai condiviso la scelta operata dalla giunta di centrosinistra guidata della Iervolino di non ricorrere in appello nel contenzioso che il Comune avviò chiedendo ai giudici di annullare il contratto che oggi, giustamente, viene rimesso di nuovo in discussione.

Quello che oggi ci preoccupa, conoscendo il modus operandi della Romeo, è che questa frizione tra le parti possa avere ripercussioni ancora più gravi sull'inquilinato soprattutto per ciò che concerne il già carente servizio di manutenzione ordinaria che il gestore dovrebbe garantire.

Già oggi, in una condizione per così dire di normalità, ottenere un intervento di manutenzone dalla Romeo è come vincere al superenalotto, ma da oggi tutto potrebbe diventare più complicato.

Per questo motivo -ha concluso la Rispoli- chiediamo alla nuova amministrazione comunale che, fermo restando le scelte che riterrà di fare circa il rapporto in essere con la Romeo, di avere alta la guardia sui servizi che fino all'eventuale annullamento del contratto, Romeo deve garantire, anche perché con l'avvicinarsi del periodo dedicato alle ferie estive, un eventuale allentamento del servizio si ritorcerebbe soprattutto contro chi sceglie di restare in città”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©