Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Atripalda, scoperto lavoratore in nero


Atripalda, scoperto lavoratore in nero
22/11/2011, 09:11

Nel generale quadro d’intensificazione dell’azione a contrasto dell’evasione fiscale e delle irregolarità nel mondo del lavoro, un controllo effettuato nella mattinata odierna a verifica del regolare rilascio dei documenti fiscali eseguito presso il parcheggio a pagamento di una clinica cittadina si è concluso con la scoperta di un … terno di violazioni.

La pattuglia del Nucleo Mobile della Compagnia di Avellino, agli ordini del maggiore Salvatore SERRA, era uscita stamane con l’incarico di dar corso a specifici controlli in tema di scontrini e ricevute fiscali ed in tale contesto, dopo aver verificato diversi esercizi commerciali, si portava presso l’area adibita a parcheggio di uno dei nosocomi del circondario avellinese. Dopo aver contestato l’omessa emissione del previsto documento fiscale da parte dell’addetto all’area di sosta all’atto della riscossione di quanto dovuto da parte di un automobilista che stava lasciando l’area, i militari hanno constatato che nel caso di specie lo scontrino non poteva essere rilasciato semplicemente perché … mancava il misuratore fiscale.



Nella fase di verbalizzazione per il mancato rilascio dello scontrino e per l’omessa installazione del misuratore fiscale la situazione del gestore del parcheggio, già di per se non certo rosea, si tingeva di tinte ancora più fosche allorquando veniva rilevato come presso il parcheggio prestava la sua opera un soggetto che veniva a qualificarsi come lavoratore “in nero” per l’omissione di qualsiasi comunicazione preventiva e senza che il rapporto di lavoro risultasse in alcuna delle scritture obbligatorie.

Nei confronti del gestore del parcheggio, identificato per tale S.G. (di anni 60) non potevano che esser contestate le due violazioni fiscali (mancato rilascio dello scontrino ed omessa installazione del misuratore fiscale) e la più grave violazione alla normativa in tema di lavoro connessa alla scoperta del dipendente “in nero”. Proseguiranno nei prossimi giorni nei uffici delle Fiamme Gialle gli ulteriori accertamenti per definire il contesto sanzionatorio nei confronti del titolare della ditta.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©