Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Capo della Polizia fa luce sulle indagini di Brindisi

Attentato di Brindisi, Manganelli: "Mafia e Br non c'entrano"

Fuori dai sospetti anche la Sacra Corona Unita

Attentato di Brindisi, Manganelli: 'Mafia e Br non c'entrano'
06/06/2012, 13:06

"L'attentato di Brindisi non e' opera ne' della mafia ne' degli anarcoinsurrezionalisti". Lo ha detto il Capo della Polizia, Antonio Manganelli, rivelando che il giorno della tragedia ''i detenuti della Sacra Corona Unita hanno fatto un telegramma di solidarieta' alla famiglia di Melissa: un segnale specifico per dire noi non ci entriamo''. E anche per quanto riguarda la Fai ''faccio fatica a immaginare'' che sia opera loro un attentato cosi' vigliacco''. ''Arriveremo a chi e' stato'', ha garantito il capo della Polizia.
''Ho sentito molte sciocchezze'', ha proseguito il capo della Polizia nel corso del suo intervento alla Scuola di Polizia interforze, sull'attentato di Brindisi ricordando che la mafia ''non e' oggi in condizione di porsi in contrasto con lo Stato'' ne' tanto meno si puo' parlare di Br risorte. ''Ci troviamo a fare i conti con un'indagine che deve dare risposte - ha aggiunto - e quando sapremo chi e' stato sapremo anche la matrice. E a chi e' stato ci arriveremo''. ''Noi lavoreremo ancora di piu' per scoprire i fatti - ha concluso - e fermare gli autori''.
''Solo quando avremo trovato l'attentatore potremo sapere le ragioni che lo hanno mosso. La mafia cerca consensi e oggi non e' certo in condizione di porsi come antistato. Per quanto riguarda la mafia locale, e' troppo debole: in Puglia e' ormai una criminalita' di carattere ordinario piu' che mafioso''.

TERRORISMO INTERNAZIONALE - Non ci sono in Italia ''segnali specifici'' relativi al terrorismo internazionale ma il nostro Paese ''e' sicuramente esposto: siamo ancora oggetto dei desideri di 'cartucceri fai da te' che si riconoscono nel logo di Al Qaeda'', ha aggiunto Manganelli ricordando che le operazioni condotte dalle forze dell'ordine hanno consentito di ''disarticolare diverse cellule''. "L'Italia pero' - ha proseguito Manganelli - e' in occidente e l'occidente e' ancora oggetto del desiderio di cartucceri fai-da-te che si riconoscono in un logo, come ad esempio al-Qaeda da cui magari non dipendono ma che e' il faro che ispira le loro azioni". ''L'unica struttura che fa terrorismo e' la componente anarco-insurrezionalista del Fai, anche se le cellule di fuoco greche stanno cercando di creare un network europeo con collegamenti anche in Italia''.
 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©