Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Protestano i cittadini di Portici per i tempi dell'ASL

Attese lunghissime e solo 80 numeri alla volta


Attese lunghissime e solo 80 numeri alla volta
02/02/2011, 13:02

Portici- Fare la fila dalle 5 e 30 del mattino per assicurarsi uno dei massimo 80 numeri che vengono distribuiti a coloro che sono più veloci. Eh sì, perché c’è una vera e propria gara all’ultimo numero per poter entrare negli uffici dell’ASL 1 di via Libertà a Portici, tra l’altro solo nei giorni dispari, ed espletare alcune operazioni sanitarie come l’esenzione dal costoso ticket. La cronaca della giornata riserva diversi step da osservare scrupolosamente per non rimanerne fuori e di solito si svolge così: il primo che arriva porta con sé carta e penna e appunta massimo 80 numeri provvisori, prende il numero uno per sé e man mano che arrivano gli utenti distribuisce i numeri in ordine crescente fino all’80. Le persone quindi che arrivano dopo quella numerazione, anche se magari arrivano fuori la struttura alle 7 e 30 del mattino, sono costrette ad andare a casa e sperare la prossima volta di essere più fortunati. Poi si attendono le 8,30 quando arriva il vigilante e distribuisce i numeri definitivi dopodiché gli impavidi vengono fatti accomodare in uno stanzone, quando il tempo è inclemente, e vengono ricevuti dai dipendenti dei ben due sportelli disponibili. I cittadini però non ci stanno perché è una situazione davvero stancante specialmente per gli anziani che non hanno nessuno che possa fare queste operazioni per sé, ma anche per le donne e chiunque altro abbia anche altre cose da fare durante la giornata. Tra l’altro il rischio è di arrivare prestissimo, fare una fila di 2-3 ore e magari non avendo tutta la documentazione richiesta o esatta si deve anche tornare con la stessa trafila. Ci si chiede dunque se nei prossimi piani di risanamento della Sanità gli organi preposti prendano in esame anche questo fenomeno purtroppo comune a diversi centri del napoletano. 

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©