Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo un giorno di ricerche tratte in salvo 109 persone

Australia, tragedia in mare: immigrati morti


Australia, tragedia in mare: immigrati morti
22/06/2012, 11:06

SYDNEY - Ennesima tragedia del mare, questa volta nei pressi di Christmas Island, il territorio australiano nell’Oceano Indiano, dove ieri un barcone con a bordo circa 200 immigrati, richiedenti asilo afghani diretti in Australia dall’Indonesia, si è rovesciato. Dopo una notte e un giorno di ricerche in pieno Oceano, sono state tratte in salvo 109 persone, mentre sarebbero 75 quelle morte: a queste cifre c’è da aggiungere quella dei dispersi, per il ritrovamento delle quali sono ancora in corso le operazioni. Il naufragio è avvenuto entro la zona di ricerca e soccorso dell’Indonesia, meta più frequente della regione per i flussi provenienti dall’Indonesia. l ministro dell’Interno australiano, Jason Clare, ha detto che circa 40 dei sopravvissuti sono stati trovati aggrappati allo scafo rovesciato della barca, mentre altri aggrappati a vari detriti galleggianti, in un’area larga fino a due miglia nautiche. Secondo il ministro Clare, i profughi avrebbero potuto salvarsi se la barca, quando ha cominciato a trovarsi in difficoltà, avesse seguito gli avvertimenti delle autorità marittime di invertire la rotta verso l’Indonesia. Nel dicembre del 2010 circa 50 richiedenti asilo iraniani e iracheni morirono annegati dopo aver perso il controllo della loro imbarcazione nel bel mezzo di una violenta tempesta proprio nei pressi di Christmas Island.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©