Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ennesimo rogo a Portici:da settembre 20 le auto incendiate

Automobile in fiamme, tornano i piromani notturni


.

Automobile in fiamme, tornano i piromani notturni
25/01/2010, 11:01

PORTICI – Nuovo rogo nella città di Portici. E ancora una volta ad essere incendiata è un’auto parcheggiata. L’altra notte, infatti, una vettura posteggiata in corso Garibaldi, è stata data alle fiamme.
Riprende dunque, dopo qualche settimana di tregua, l’attività dei piromani notturni di auto che nei mesi scorsi più volte sono entrati in azione nella cittadina vesuviana.
Per il rogo della scorsa notte, infatti, identico copione dei raid incendiari compiuti a fine anno. Sconosciuti hanno cosparso di materiale infiammabile l’auto presa di mira, stavolta una Fiat Punto, e poi hanno appiccato il fuoco, dileguandosi immediatamente dopo senza lasciare traccia. Sul posto sono giunti i Vigili del fuoco e gli agenti del commissariato di Portici- Ercolano. L’auto è stata completamente distrutta; le fiamme generate dall’incendio hanno anche raggiunto la saracinesca di un negozio che si trovava nelle vicinanze senza fortunatamente creare nessun danno serio.
Quello della scorsa notte, è soltanto l’ultimo di una lunga serie di raid incendiari; il più recente, in ordine di tempo, il rogo che lo scorso mese di dicembre aveva coinvolto un’autovettura parcheggiata in via IV Novembre. Negli ultimi 4 mesi dell’anno appena concluso, sono ben 20 le automobili incendiate.
Dalle indagini degli inquirenti su questa serie sospetta di roghi, sarebbe emerso che in molti casi, dietro le auto date alle fiamme, ci sarebbero regolamenti di conti, anche semplici liti familiari e beghe condominiali. Non si esclude comunque un’unica regia all’origine degli incendi.
Per quanto riguarda il rogo dell’altra notte in corso Garibaldi, nessuna delle telecamere posizionate sul territorio cittadino, è riuscita ad immortalare i piromani in azione. Proprio per questo, nei giorni scorsi, l’assessore alla Sicurezza Urbana di Portici, Salvatore Duraccio, ha assicurato un necessario potenziamento del sistema di videosorveglianza

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©