Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il ritocco, previsto a gennaio, era stato sospeso

Autostrade, domani scattano i rincari. Tangenziale a 75 cent


Autostrade, domani scattano i rincari. Tangenziale a 75 cent
30/04/2009, 21:04

Da domani le autostrade costeranno di più. Atlantia, come previsto dalla convenzione unica sottoscritta il 12 ottobre 2007, aumenterà dal primo maggio le tariffe di Autostrade per l’Italia del 2.4%. Domani è il giorno in cui scatteranno anche gli incrementi del sovrapprezzo chilometrico a esclusivo beneficio di Anas.

Oltre all’aumento già in programma, sono previsti dei ritocchi per il raccordo autostradale Valle d’Aosta (0,51%), Autostrada Torino-Savona (0,73%), Autostrada Tirrenica (5,14%), Tangenziale di Napoli (6,63%), Autostrade meridionali (4,89%). Nessun incremento per Autostrade dei parchi. La decorrenza degli adeguamenti, spiega in una nota Atlantia, in base ai contratti di concessione in vigore, è fissata al primo gennaio di ogni anno ma per l’anno 2009 il legislatore ha disposto che fossero sospesi fino al 30 aprile.

Per quanto riguarda l’incremento del sovrapprezzo chilometrico sui pedaggi, di esclusiva competenza Anas, il prezzo passa 0,0025 a 0,0030 euro/km per le classi veicolari A e B, e da 0,0075 a 0,0090 euro/km per tutte le altre classi di pedaggio.

Gli adeguamenti sono stati calcolati in base a tre fattori: pari al 70% dell’inflazione registrata nel periodo 1 luglio 2007 giugno 2008; a coperta dei costi sostenuti da Autostrade per l’Italia relativi agli investimenti addizionali inseriti nel IV Atto Aggiuntivo del 2002 e calcolato sulla base dei relativi stati di avanzamento; come conguaglio, in base a quanto disposto dalla stessa Convenzione Unica, tra gli adeguamenti tariffari che si sarebbero maturati dal 1 gennaio 2007 secondo la nuova formula di adeguamento e quelli effettivamente accordati per gli anni 2007 e 2008.

Il prezzo del pedaggio della Tangenziale di Napoli passerà, con questi ritocchi, dai 70 centesimi attuali ai 75 in vigore dalla mezzanotte di oggi.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©