Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Potrebbero esserci altri casi che riguardano il prof

Avellino, relazione con alunna. Indaga la polizia


Avellino, relazione con alunna. Indaga la polizia
15/04/2012, 18:04

AVELLINO – Il professore di musica arrestato pochi giorni fa, con l’accusa di aver abusato sessualmente di una sua alunna 14enne, potrebbe averlo fatto anche su altre sue alunne.
Gli inquirenti della squadra mobile, diretta dal vicequestore aggiunto Paolo Iodice, stanno raccogliendo altri indizi per poter verificare se il professore abbia abusato di altre studentesse. Domani mattina, sarà ascoltata la studentessa, persona chiave dell’inchiesta. La ragazzina, sarà ascoltata dagli inquirenti in presenza dei suoi genitori e di un psicologo. La sua versione dei fatti sarà di particolare importanza per chiarire alcuni aspetti della vicenda anche se, secondo fonti investigative, la studentessa ha fin da subito ammesso la storia con il professore, definendola di puro sentimento. Versione questa che coincide con quella dell’insegnante, rinchiuso presso il carcere di Bellizzi. L’altro ieri, il professore ha ammesso – davanti al gip – di aver avuto anche rapporti, consenzienti, con la ragazzina – senza alcuna pressione o violenza. Intanto, le indagini vanno avanti nel massimo riserbo. Nel frattempo, spuntano nuovi particolari sulla relazione che il docente, 48 anni, aveva intrapreso con una sua allieva dell’Istituto Imbriani, dal dicembre dell’anno scorso. Il 15 marzo la ragazza – che continua a dichiarare che la loro è stata una storia consensuale e senza alcun tipo di violenza – aveva detto ai genitori che sarebbe uscita prima da scuola perché c’era assemblea e che all’uscita sarebbe andata a fare un giro in centro con le amiche. Così però non è stato. Infatti, la minore – seguita da un ispettore – verso le 9:30 circa aveva incontrato il suo professore di musica, in una traversa di via Pescatori,  ed insieme si erano diretti verso l’abitazione di lui, in via Pironti, luogo in cui da tempo si consumavano i rapporti sessuali. I genitori della minorenne arrivarono poco dopo e sorpresero i due mentre uscivano insieme dall’appartamento. Il 48enne ebbe un rapido confronto con il padre della giovane, nel quale dichiarò che non era successo niente. I genitori però non erano convinti di questa versione dei fatti e così hanno denunciato la vicenda al questore.
Diverse telefonate ed sms, anche di notte. Poi foto senza veli della minorenne che hanno scatenato nei genitori un forte dubbio,  rivelatosi poi certezza. La settimana prossima sarà decisiva: il caso potrebbe portare a nuove rivelazione oppure potrebbe definitivamente chiudersi.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©