Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avellino, sequestrati dalle fiamme gialle oltre 500 tra cosmetici e detersivi con etichette in lingua straniera


Avellino, sequestrati dalle fiamme gialle oltre 500 tra cosmetici e detersivi con etichette in lingua straniera
13/03/2012, 12:03

Presso un solo negozio, in pieno centro di Avellino, sono stati posti stamane sotto sequestro amministrativo oltre 500 prodotti cosmetici che, in quanto provenienti dal cosiddetto “mercato parallelo”, erano sprovvisti di indicazioni d’uso e di descrizioni del prodotto in lingua italiana.

Sulla scia dell’operazione che, nello scorso mese di dicembre, portò al sequestro di 50.000 bottiglie di coca-cola e pepsi cola recanti etichettature in lingua straniera, gli uomini della Compagnia di Avellino, agli ordini del maggiore Salvatore Serra, hanno oggi concretizzato in un altro importante risultato l’attento piano di controlli disposto dal Comando Provinciale su tutto il territorio irpino.

Si trattava di un esercizio commerciale dedito alla vendita al dettaglio di prodotti cosmetici, saponi, detersivi ed altri generi di casalinghi: tra la numerosa merce esposta per la vendita i militari rinvenivano ben 425 prodotti cosmetici delle più disparate categorie merceologiche (shampoo, deodorante, balsamo, olio idratante, colluttorio, dentifricio) e 78 confezioni di detersivi (creme pulenti, sapone in polvere per lavatrici) le cui etichette ed istruzioni per l’utilizzo recavano istruzioni in lingua straniera e non erano quindi a norma secondo le disposizioni legislative italiane che, a tutela del consumatore, impongono sui prodotti indicazioni in lingua italiana con particolare riferimento agli elementi informativi attinenti la produzione, l’importatore e soprattutto la composizione di quanto posto in vendita.

Nei confronti del titolare dell’attività commerciale, identificato per tale R.S (di anni 34), residente a Ercolano (NA), si configuravano gli estremi per la segnalazione alla Regione Campania (Assessorato alla Sanità - Settore Farmaceutico) ed alla Camera di Commercio di Avellino per le constatate violazioni, in particolare, alla legge nr. 713/86 sui cosmetici ed alla legge nr. 206/2005 sulla sicurezza dei prodotti, con la conseguente sanzione amministrativa prevista dalla legge.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©