Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avvenire: "Perchè non rinunciamo a 131 caccia per l'Abruzzo?"


Avvenire: 'Perchè non rinunciamo a 131 caccia per l'Abruzzo?'
15/05/2009, 17:05

Anche chi come me non ama il taglio che solitamente l'Avvenire, che è l'organo ufficiale della Santa Sede, dà alle notizie deve convenire con una notizia uscita oggi sul sito on line del quotidiano. A proposito dell'Abruzzo e delle risorse necessarie per la ricostruzione del terremoto, il quotidiano paolino esamina tutte le proposte che si sono sentite per trovare le risorse economiche. Con un po' di vittimismo (ma non con tutti i torti) si lamentava dell'idea di usare il 5 per mille della ricerca; oppure l'8 per mille, che è la principale più grande per il Vaticano. E poi ricorda che il Parlamento ha siglato, senza alcuna pubblicità, l'accordo per sostituire nella forza aerea italiana gli aerei d'attacco (per lo più F-16 e pochi F-104) con i nuovissimi F-35 americani. Si tratta di aerei detti multiruolo e ognitempo (cioè che possono volare di giorno e di notte con la stessa efficienza; e che possono essere utilizzati sia per condurre azioni contro altri aerei nemici, ma anche per bombardare obiettivi a terra) quasi invisibili ai radar e con una tecnologia avanzatissima. L'Italia ne ha ordinati 131, al costo di 100 milioni di euro ognuno. Visto che non abbiamo rischi vicini di guerra e che i nostri alleati europei dispongono di un aereo altrettanto valido, l'Eurofighter 2000 (da cui l'Italia si ritirò nel 2003), non c'è fretta di fare questo acquisto. SI potrebbero usare questi 13 miliardi per l'Abruzzo e poi si vede. Dopo che sono stati bruciati 400 milioni per accontentare la Lega Nord che non voleva il referendum, bruciare anche questi 13 miliardi sarebbe veramente un peccato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©