Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Cardinale risponde ai quesiti etici mossi dalla Chiesa

Bagnasco: Vita artificiale è segno dell' intelligenza umana


Bagnasco: Vita artificiale è segno dell' intelligenza umana
21/05/2010, 19:05

TORINO – La creazione di cellule artificiali è un grande segno della intelligenza dell’uomo. A dirlo è stato Monsignor Bagnasco, presidente della Cei, in visita alla Sacra Sindone.
"D'altra parte” - ha sottolineato Bagnasco – “l'intelligenza non è mai senza responsabilità, quindi ogni acquisizione scientifica deve sempre essere commisurata alla dimensione etica". Ieri lo scienziato Craig Venter ha annunciato i risultati di un studio decennale condotto negli Stati Uniti: "Abbiamo progettato, sintetizzato e assemblato cellule capaci di autoreplicarsi" -ha detto-  “schiudendo alla genetica possibili rivoluzionarie applicazioni anti-inquinamento e nel campo farmaceutico”
Nessuna preoccupazione, dunque, da parte del cardinale per i risvolti etici che questo potrebbe comportare. L'aspetto etico della questione era stato invece sollevato dall'arcivescovo di Chieti Bruno Forte, che aveva posto il quesito: "La preoccupazione si riassume in una domanda: ciò che sarà scientificamente possibile, sarà anche eticamente giusto?". Anche per il presidente della Pontificia Accademia per la Vita Rino Fisichella "bisogna verificare l'utilizzo" della scoperta: "se sarà per il bene dell'uomo, cioè per curare le patologie, o se si ricorrerà a un suo uso discriminatorio: in questo caso il giudizio cambierà".
Simile preoccupazione era stata espressa dal cardinale Javier Lozano Barragan, presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Salute: "Nessun limite può essere imposto alla ricerca scientifica, che, però, non deve perdere di vista l'orizzonte dell'etica".
Il portavoce della Sala Stampa Vaticana, Federico lombardi, non ha voluto rilasciare dichiarazioni perché "è necessario aspettare di saperne di più". Un "appello alla cautela" è stato lanciato anche dal vescovo Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la Vita.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©