Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

BAGNOLI IRPINO: INAUGURATO CENTRO OSPITALITA'


BAGNOLI IRPINO: INAUGURATO CENTRO OSPITALITA'
21/12/2007, 15:12

Taglio del nastro per il Centro di Ospitalità Locale “Borgo Terminio Cervialto”. In via Garibaldi 39, a Bagnoli Irpino, nella prestigiosa sede dell’ex sede del Municipio, sono stati inaugurati i locali che ospitano il COL, progetto che rientra nel PIT “Borgo Terminio Cervialto”, Por Campania 2000/2006, misura 4.7, Promozione e marketing turistico, gestito dall’ATI Agorà Telematica Srl di Napoli e Agendaonline.it Srl di Avellino. 
Accolti dalla banda musicale di Bagnoli e dal parroco Don Stefano Dell’Angelo, che ha benedetto la nuova sede, il presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto Nicola Di Iorio, il sindaco di Bagnoli Antonio Nicastro, il capoprogetto Roberto Formato e il responsabile internet marketing Lino Sorrentini, hanno tagliato il nastro del Centro di Ospitalità Locale.
“Questo comune – ha affermato il presidente Di Iorio – è stato sempre l’epicentro del turismo irpino, dove si è maturata una cultura dell’accoglienza che ora dev’essere messa a disposizione dell’intera provincia di Avellino, a cui si rivolge questa struttura. Abbiamo posto le basi affinché il C.O.L. possa continuare a vivere nel tempo, ma abbiamo bisogno della collaborazione e dell’incoraggiamento di tutti, anche delle critiche, ma che siano costruttive. Siamo testardi, e vogliamo che nella nostra terra possa crearsi un nuovo sviluppo ma, si sa, i grandi obiettivi si raggiungono se si lavora tutti insieme. Finora tutto quello che abbiamo programmato e progettato è stato realizzato e inaugurato, e per un amministratore non c’è soddisfazione più grande”.
“Voglio ringraziare – ha affermato il Sindaco Nicastro – la Comunità Montana Terminio Cervialto, che ha voluto che la sede del Col fosse ubicata a Bagnoli. Ma soprattutto voglio ringraziare il presidente Di Iorio per il lavoro che sta svolgendo e per aver dato un’impronta diversa all’attività della Comunità Montana. E’ stato una sorta di pioniere in questo, e ci ha aiutati ad esportare le nostre eccellenze al di fuori dei confini provinciali. Nonostante le polemiche ha saputo seguire con tenacia la strada che ci porterà ad aprire i nostri territori sempre di più verso l’esterno, superando l’isolamento che pure a volte ha caratterizzato le nostre zone. Mi auguro che gli operatori turistici del territorio sappiano essere entusiasti di questa sede, che sarà centro all’avanguardia nella promozione turistica”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©