Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bagnoli, rapinano personale di un ristorante: 2 arresti


Bagnoli, rapinano personale di un ristorante: 2 arresti
19/01/2012, 11:01

Rapinano, all’interno di un ristorante ai Campi Flegrei, il cuoco, il suo aiutante, un cameriere ed il pizzaiolo ma, grazie alle serrate indagini degli agenti del Commissariato di Polizia “Bagnoli”, due fratelli pregiudicati, F.M. e V.L., rispettivamente di 36 e 29 anni, sono stati sottoposti a fermo di P.G., 36ore dopo il “colpo”.

I due fratelli, infatti, domenica mattina, introdottisi nel ristorante, armatisi di un paio di forbici, hanno rapinato dei loro averi, due telefoni cellulari e la somma di €.200, i 4 dipendenti, dileguandosi subito dopo.

Le indagini dei poliziotti, nella giornata di ieri, hanno condotto all’identità dei due rapinatori che, intercettati in Via Vicinale Angogna, angolo Via Sartania, nel quartiere Pianura, sono stati condotti in ufficio.

Una delle vittime, però, ha tentato di ostacolare le indagini degli agenti, fornendo dichiarazioni contrastanti in merito alla patita rapina, circostanza che gli è costata una denuncia, in stato di libertà, per il reato di favoreggiamento personale.

Da individuazione personale, i due fratelli sono stati riconosciuti senza ombra di dubbio, da 3 delle 4 vittime e sottoposte a fermo di P.G., perché responsabili, in concorso tra loro, del reato di rapina aggravata.

L.V., tra l’altro, già arrestato dalla Polizia proprio nella serata di domenica, giorno in cui con il fratello aveva commesso la rapina, a seguito di lite con il fratello aveva danneggiato l’appartamento nel quale viveva con i genitori, minacciandoli con un paio di forbici.

Gli agenti, nella circostanza, con non poche difficoltà erano riusciti a bloccarlo, dopo che questi aveva tentato di tagliarsi le vene, scagliandosi poi contro di loro.

Domenica sera, infatti, L.V. è stato arrestato per il reato di resistenza a P.U. aggravata, mentre il fratello, è stato denunciato, in stato di libertà, per il reato di danneggiamento.

A seguito di giudizio direttissimo, nella giornata di lunedì, era stato condannato alla misura coercitiva dell’obbligo di presentazione alla P.G., alla quale si trovava sottoposto da 24h.

I due fratelli, nella serata di ieri, sono stati condotti in carcere dai poliziotti del Commissariato di Polizia “Bagnoli”, in attesa di quanto disporrà l’Autorità Giudiziaria.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©