Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Le dichiarazioni-choc del genitore

Bambino portato via da polizia, il padre: "Ora è sereno"

L'uomo ha partecipato all'operazione

Bambino portato via da polizia, il padre: 'Ora è sereno'
11/10/2012, 20:16

Le conseguenze ci sono state: politiche, giudiziarie. Vedere un bambino trascinato con quella violenza da agenti della polizia, tra urla e pianti, non poteva lasciare indifferenti. Il video girato dalla zia del bimbo è già al vaglio della Procura di Padova.

Sono ora le dichiarazioni del padre a lasciare sconcertati: in base a quanto afferma in una telefonata a Repubblica.it, una tale aggressività contro suo figlio ha contribuito alla sua salvezza. “Ho salvato mio figlio e ora sta bene, è sereno - ha detto - Ho pranzato, giocato alla playstation e poi cenato con lui e l'ho messo a letto. Non lo facevo da anni, è stata una bella emozione”.

C’è un ragazzino e ci sono i suoi genitori, separati e in guerra tra loro. Sembra una storia da "Kramer contro Kramer", ma questa volta di mezzo c’è un’autorità che dovrebbe garantire la sicurezza dei cittadini – la polizia – e invece fa violenza ad un bambino. E il padre, evidentemente in linea con il metodo utilizzato, collabora all’operazione: uno degli uomini che nel video prende di peso il bimbo è proprio lui.

''Non si è mai vista una cosa così in tutta Italia - ha dichiarato la mamma del bambino-. In altri casi in cui c'era un'ordinanza di prelievo di bambini, quando il piccolo si buttava a terra veniva lasciato stare, e se diceva che non voleva andare via, rimaneva lì. Ma qui è stato dato ordine di trascinarlo via con la forza''.

Ma per il Capo del Dipartimento per la Giustizia Minorile, Caterina Chinnici, il caso del bambino di Cittadella "è una eccezione, non è la regola e le modalità con cui si è svolto sono un'anomalia", spiega dicendosi convinta che "il sistema di giustizia minorile, nel suo complesso funzioni, anche se indubbiamente può essere migliorato e rivisitato in alcuni settori".

Parlando con i giornalisti, il papà del bimbo insisteva molto sulla parola serenità. Quale speranza di serenità possa esserci, in un bambino che viene trascinato via dai poliziotti e da suo padre mentre è a scuola, preso per mani e piedi e buttato in un’auto mentre grida e si dispera, è un mistero. 

Commenta Stampa
di GB Riproduzione riservata ©

Correlati