Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bancarotta Polo Qualità, in manette l’imprenditore Aprile -video


Bancarotta Polo Qualità, in manette l’imprenditore Aprile -video
07/01/2014, 15:16

Finisce male per il l’imprenditore Guglielmo Aprile. Il numero uno del Polo della Qualità di Marcianise è stato arrestato dalla Guardia di Finanza.  Un sogno durata poco, anzi pochissimo per Marcianise, trovatosi sin dall’inizio sommerso dai debiti. La magistratura ha fatto chiarezza su quei 150 milioni di soldi pubblici investiti per il progetto, che avrebbe dovuto avere una grande ricaduta occupazionale sul territorio. In totale sono sei le ordinanze di custodia cautelare sono eseguite dalla Guardia di Finanza nell'ambito dell’inchiesta sulla bancarotta fraudolenta della società consortile Polo della qualità, dichiarata fallita dal Tribunale di Napoli nel settembre del 2010. Quattro le persone agli arresti domiciliari. Oltre a Guglielmo Aprile, anche a  Francesco Pellone, Francesco Di Gennaro e Cesare Bartoli, e due quelle con obbligo di dimora Antonio Landolfi e Alfredo Morelli. Inoltre 16 persone risultano indagate. Le indagini, hanno messo in evidenza che per volontà di Guglielmo Aprile e di Francesco Di Gennaro, sia stata dapprima costituita una società ad hoc con lo scopo di acquistare i suoli. Quindi sono cominciate le operazioni fittizie per consentire ad Aprile e ai suoi complici di lucrare enormi profitti, tra cui la costruzione del complesso ad un prezzo gonfiato, sottraendo al tempo stesso il denaro ai creditori. E infatti dopo soli 15 mesi, il Polo della Qualità si trovava sommerso dai debiti e praticamente deserto. In pratica, quanti si sono ritrovati ad acquistare i moduli, destinati a merce per clienti di fascia medio-alta, hanno rinunciato all’insediamento, avendo capito che si trattava di una struttura ormai fallita sin dall’inizio. Una truffa quella perpetuata da Gugliemo Aprile ai danni sei soldi pubblici, e soprattutto ai danni dell’occupazione e del rilancio economico del territorio e di quello che sarebbe dovuto essere un fiore all’occhiello per la regione Campania.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©