Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Banchi Nuovi: “Per i disoccupati Bros è stata una giornata di lotta chiusa con la repressione”


Banchi Nuovi: “Per i disoccupati Bros è stata una giornata di lotta chiusa con la repressione”
20/12/2012, 11:09

"Per i disoccupati Bros quella di oggi è stata un’altra giornata di lotta chiusa conla repressione. Unagiornata partita con l’occupazione di alcuni binari ferroviari all'altezza della stazione di Napoli-Gianturco, per protestare contro i ritardi dell’approvazione dei progetti per la stabilizzazione lavorativa dei precari BROS, la cui responsabilità ricade innanzitutto sull’Assessore del Lavoro Nappi che continua ad opporsi al buon esito di questa vertenza. Nel frattempo la delegazione veniva ricevutaa Palazzo S.Giacomo dall’Assessore al lavoro Panini e dal Presidente del Consiglio Provinciale Rispoli.  Vista la risposta negativa e cioè l’ennesima chiusura da parte della RegioneCampania adare l’assenso per l’avvio della progettazione presentata da i primi due la delegazione è rimasta lì in occupazione in attesa di un intervento dei vertici superiori di tutte le tre istituzioni per porre fine a questo calvario durato 15 anni. L’azione era voltaa sollecitare ilSindaco De Magistris e il Presidente della Giunta Provinciale a proseguire nelle tappe concordate al tavolo interistituzionale ed a fare le dovute pressioni presso la Regione affinché si arrivi al più presto alla chiusura della vertenza. Di fronte alla pacifica modalità dell’iniziativa il sindaco De Magistris ed il suo entourage hanno considerato e dichiarato gli occupanti come ospiti graditi. Questo atteggiamento ci aveva fatto ben sperare interpretandolo come la convinta volontà dell’amministrazione comunale a fare la propria parte nella direzione da noi auspicata. Ci eravamo sbagliati! A poche ore di distanza siamo diventati ospiti non graditi, ed esattamente come già accaduto nel recente passato, il sindaco De Magistris  si è rivolto alla Questura per far sgomberare l’ufficio, calciando a calci nel sedere la delegazione lì presente. Questa è la democrazia che questi signori usano ogni qualvolta chi protesta non sta più alle loro condizioni. Troviamo vergognoso questo atteggiamento e siamo stufi che si continui a giocare sporco sulla pelle di migliaia di disoccupati. Caldoro e De Magistris e Presidente della Provincia hanno la responsabilità di non dare le risposte ai tanti drammi occupazionali di questa città. Questa di oggi è stata una giornata campale per le centinaia di lavorati e disoccupati in lotta per il lavoro ed il salario: dai lavoratori dell’EAV a quelli dell’ANM, dall’ASTIR ai BROS. Un anticipo di cosa accadrà in questa città se non si daranno risposte concrete. Non saranno né gli sgomberi, né le manganellate, né le denunce e gli arresti che fermeranno la lotta di chi difende i propri diritti.". Così una nota a cura di Banchi Nuovi. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©