Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

L'organizzazzione agiva nella 'Napoli bene'

Banda dei ristoranti, si cerca il quarto uomo


.

Banda dei ristoranti, si cerca il quarto uomo
07/09/2009, 15:09

Sono stati arrestati due pregiudicati dalla polizia Squadra Mobile di Napoli rei di una decina di rapine effettuate nello scorso mese di agosto nei quartieri di Chiaia, Posillipo e Fuorigrotta ai danni di esercizi commerciali, in particolare pub e ristoranti. E’ invece caccia ad un terzo componente del gruppo che però è stato denunciato. Un quarto componente invece è tutt’ora ricercata dalla polizia. I quattro erano soliti agire a bordo di due ciclomotori, In due si avvicinavano all'esercizio da rapinare, poi uno si posizionava alla porta d'ingresso e l'altro, armato di pistola, razziava il bottino.
Agiscono in tre nella fase esecutiva, hanno sempre il volto coperto dal casco integrale e viaggiano in sella a moto di alta cilindrata. sul tavolo degli investigatori ci sono anche altri tasselli, come i canali della ricettazione. 
La gang dei ristoranti parte sempre dalla zona dei grandi alberghi, quelli del Lungomare. In alcuni casi, possono contare su informatori che avvisano l’uscita dagli hotel di lusso di clienti con orologi o gioielli costosi.
È andata così per la rapina alla Cantinella erano ben tre i clienti del
ristorante che avevano al polso orologi di marca e i malviventi sono andati a colpo sicuro, portando via anche i soldi degli avventori e una parte dell’incasso.
In queste ore si sta battendo un’altra ipotesi investigativa: quella che spinge a pensare che i ripetuti assalti a ristoranti storici della zona siano sferrati proprio in una stagione in cui sono stati scompaginati i clan camorristici tradizionalmente egemoni nella zona di Chiaia. Nessun testimone dopo gli ultimi assalti, nessuna collaborazione reale con le forze dell’ordine, mentre gli agenti confrontano immagini ricavate dalla videosorveglianza e le note acquisite finora nelle varie informative di polizia giudiziaria.

 

 

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©