Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il ragazzo poteva essere pericoloso o causare distrazioni

Bandito dalla prima classe perché down


Bandito dalla prima classe perché down
06/09/2012, 20:02

Negato il lusso di viaggiare in prima perché il loro figlio era down. Sembra una storia assurda eppure è proprio quello che è accaduto ad una famiglia del sud della California che aveva deciso di concedersi, per la prima volta, il lusso di viaggiare in aereo in prima classe. Tuttavia, è stato a loro negato il permesso in quanto il figlio della coppia di genitori che aveva prenotato il volo è affetto dalla sindrome di Down. Una cosa del genere non era mai accaduta prima d’ora. Infatti,
Joan e Robert Vanderhorst avevano, sino ad oggi, volato senza alcun problema , con Bede, il loro figlio di 16 anni, affetto dalla sindrome di down.
Questa volta, la famiglia aveva deciso di spendere un po’ di più per volare in prima classe. “Mia moglie ha detto, ‘Oh Bede non ha mai volato prima classe. Sarà così eccitato’”, ha raccontato Robert al giornale. Purtroppo, mentre la famiglia era in attesa di salire a bordo all’aeroporto di Newark, New Jersey, un rappresentante dell’American Airlines li ha presi da parte e ha detto che il pilota pensava che Bede fosse a rischio di fuga. Joan, la madre del ragazzo, ha subito iniziato a filmare l’incidente sul suo cellulare.
Robert, che è un avvocato, ha iniziato ad implorare il funzionario della compagnia aerea di farli salire a bordo. “Nulla di tutto questo è mai successo prima. Ecco cosa c’è di così sconvolgente. Lui è di solito è il nostro portafortuna. Accadono cose buone quando Bede è con noi” ha dichiarato Robert ancora al New York Daily News.
Secondo un portavoce American Airlines il ragazzo – in prossimità del cancello – si era agitato e quindi ritenuto “non pronto per volare”, secondo quanto riportato dall’Associated Press. Ma Robert ha detto che il figlio non avrebbe causato altre distrazioni. La famiglia è stata scortata dalla porta da Autorità Portuale e trasferito – alla sezione tecnica – di un altro volo della United Airlines. “Siamo stati trattati come criminali“, ha detto Robert al Daily News. Quel che è peggio è che sono stati messi in fila molto indietro del volo United Airlines. “Per la seconda volta, siamo stati discriminati. Separati“, ha detto Robert, che ha intenzione di citare in giudizio l’American Airlines.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©