Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Barra. Fidanzatini-spacciatori arrestati dalla Polizia


Barra. Fidanzatini-spacciatori arrestati dalla Polizia
10/10/2011, 10:10

Lei 15enne ed il fidanzato, da poco 19enne, oltre che uniti nella vita da motivi sentimentali, avevano deciso di avviare insieme anche l’illecita attività di spaccio di droga, ma sono stati arrestati dagli agenti del Commissariato di Polizia “San Giovanni-Barra”.

I poliziotti, infatti, nella tarda serata di ieri, nel corso di specifici servizi volti al contrasto del dilagante fenomeno dello spaccio di droga, gestito nel quartiere Barra da affiliati al clan Aprea-Cuccaro, hanno effettuato una serie di appostamenti, al fine d’identificare i materiali spacciatori.

Dopo aver perlustrato l’intera zona di Via Villa Bisignano, gli agenti hanno notato giungere un’autovettura Fiat Punto, con a bordo due giovani.

Seguita l’auto a debita distanza sino al Corso Sirena, hanno notato il giovane che era alla guida, discenderne per entrare in un portone.

Il giovane, poco dopo, ritornava in auto consegnando qualcosa alla ragazza che era seduta in auto accanto a lui, che provvedeva a mettere in borsa.

L’auto, poche centinaia di metri più avanti, raggiungeva dapprima, un gruppo di giovani seduti su di una panchina e, dopo effettuato, con uno di loro, il consueto scambio droga-soldi, ripartiva alla volta di Piazza Bisignano, ove avveniva la medesima cosa.

Ritornati al Corso Sirena, la 15enne discendeva dall’auto per entrare in un portone, dal quale usciva pochi minuti dopo.

Non avendo alcun dubbio, i poliziotti hanno fermato i due giovani che, da subito si sono mostrati insofferenti al controllo.

Nelle tasche del 19enne, è stata rinvenuta la somma di €.30,00 mentre, nella borsa della ragazza, sono state rinvenute 10 dosi di droga, suddivise in marijuana e hashish.

I poliziotti, tornati al Corso Sirena, dove la ragazza era discesa poco prima, hanno deciso di effettuare una perquisizione presso quella che era l’abitazione materna del 19enne. Il giovane, mentendo, riferiva agli agenti che la madre non era in casa e di non avere le chiavi.

I poliziotti, approfittando dell’entrata di un inquilino all’interno dello stabile, notavano che la porta dell’abitazione della madre del giovane era aperta e che le chiavi erano inserite nella serratura.

La madre del giovane spacciatore era in casa e dormiva profondamente in una cameretta, all’interno della quale, nel secondo cassetto di un mobile, sono state rinvenute altre 38 dosi di droga, la somma di €.170,00, suddivise in banconote di vario taglio, nonché un foglio dove era annotata la contabilità dell’illecita attività di spaccio.

I poliziotti hanno arrestato i due giovani, conducendo la 15enne presso l’Istituto Penitenziario Minorile di Nisida, mentre il fidanzato è stato condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Il giovane, inoltre, è stato anche indagato per il reato di guida senza patente, in quanto mai conseguita e, l’autovettura è stata sequestrata in quanto utilizzata per l’illecita attività.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©