Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Basta violenza razzista!": migliaia in piazza a Napoli, Salerno e Caserta: la rabbia, le parole, le richieste


'Basta violenza razzista!': migliaia in piazza a Napoli, Salerno e Caserta: la rabbia, le parole, le richieste
19/12/2011, 09:12

"Non era un pazzo e soprattutto non era una persona isolata! Ma un estremista razzista che militava in un'organizzazione di estrema destra come CasaPound e che si è sentito incoraggiato dal clima che c'è nel paese. Dalle leggi razziste, dagli altri attacchi agli immigrati come quello al camp rom di Torino" Questo ha urlato oggi dal microfono Omar, uno dei responsabili della comunità senegalese, mentre sfilava il corteo che a Napoli ha visto in piazza oltre 1500 persone tra migranti (in particolar modo della comunità del Senegal), antirazzisti e antifascisti, mentre un corteo analogo si svolgeva a Salerno e oggi pomeriggio ci sarà a Caserta. Nella giornata nazionale di mobilitazione dopo la strage di Firenze. E' stata una giornata della rabbia e del dolore, ma anche di una presa di parola che non si accontenta di pacche sulle spalle come dice Pierre :"Proprio perchè non è stato un caso isolato ma una tragedia annunciata ci aspettiamo segnali concreti: piena luce e giustizia sui fatti, chiusura delle organizzazioni razziste, ritiro di norme discriminatorie come il cosiddetto pacchetto sicurezza". E nuovi diritti. Come per i tantissimi profughi che aspettano risposte dalla commissione rifugiati e intanto sono sruttati con operazioni indegne da molti degli alberghi in cui sono alloggiati.
Tutto questo ribadirà anche la delegazione che tra poco dovrebbe esser ricevuta dal nuovo Ministro dell'Interno che oggi era a Napoli. Mentre quando è arrivato il Sindaco de Magistris, lo speaker ha pubblicamente ringraziato della sensibilità istituzionale, ma ha anche chiesto che da oggi in poi si trovino soluzioni e non vessazioni per i lavoratori ambulanti, quali sono la gran parte dei senegalesi.
La manifestazione si è conclusa con un ricordo in piazza plebiscito di Diop e Modou, assassinati dalla violenza razzista. Per dire "MAI PIU' ! "

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©