Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Battaglia per la ciclabile a Bacoli


Battaglia per la ciclabile a Bacoli
27/05/2013, 14:52

E' "no stop" il presidio portato avanti dai cittadini all'ingresso della pista ciclabile del lago Fusaro a Bacoli. La manifestazione sta andando avanti ad oltranza anche di notte dopo un primo e partecipato corteo avvenuto nella mattina di domenica. Il presidio non sarà smontato fino a quando non sarà resa usufruibile al pubblico la pista ciclabile locale. Anche questa notte sla popolazione ha portato avanti la civile protesta. Assoluto resta il silenzio delle istituzioni locali dal Comune di Bacoli al Centro Ittico. La mobilitazione popolare è finalizzata a richiedere la riapertura della pista ciclabile del Fusaro, lasciata da anni marcire nel degrado nonostante l’investimento di circa 5 milioni di euro. L’iniziativa “Arapimm Stì Canciell “, promossa dal Coordinamento delle Periferie, ha visto la presenza di tante persone che vogliono riappropiarsi di questo bene comune. "I cittadini - spiegano Josi Della Ragione di Freebacoli ed il responsabile regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli - si stanno riappropiando della pista ciclabile intorno il lago Fusaro e restano lì in presidio fisso per richiederne la definitiva riapertura al pubblico. Questa pista infatti è stata lasciata per anni a marcire nel degrado nonostante l'investimento di circa 5 milioni di euro per realizzarla. Uno scandalo nazionale che grida giustizia. Invece di valorizzarla e utilizzarla al meglio è stata abbandonata e adesso versa nell' incuria e nel degrado più totale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©