Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Battipaglia, sequstro di abbigliamento contraffatto


Battipaglia, sequstro di abbigliamento contraffatto
25/03/2011, 09:03

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti e coordinati dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno, con particolare riguardo al contrasto alla contraffazione dei marchi registrati ed alla tutela del made in italy, gli uomini delle Fiamme Gialle della Tenenza di Battipaglia hanno effettuato un intervento repressivo nel locale mercato settimanale. A seguito di molteplici appostamenti e perlustrazioni avvenute nelle settimane precedenti, i finanzieri della Tenenza sono riusciti ad individuare un soggetto extracomunitario intento alla vendita abusiva di capi di vestiario e scarpe recanti marchi contraffatti di importanti griffe di moda, riprodotti in maniera idonea tale da richiamare l’attenzione dei clienti occasionali ed, al contempo, ingannare chiunque ne faccia l’acquisto. Oltre ai 500 capi di vestiario sequestrati, i militari battipagliesi ponevano sotto sequestro benanche 100 paia di scarpe e più di 200 CD sia musicali che per consolle, ovviamente senza alcun marchio SIAE in violazione del copyright. All’arrivo nei pressi del mercato, le pattuglie prontamente individuavano l’autovettura del commerciante, già nota poiché monitorata nelle settimane precedenti.  Alla visione dei militari, però, il venditore abusivo si dava a pronta fuga, tentando così di sottrarsi alle autorità. Ciò nonostante, mentre una pattuglia proseguiva con le attività di sequestro sia dei beni sia dell’autovettura, altre pattuglie si mobilitavano per la ricerca del titolare della macchina. Dopo non pochi sforzi, il fuggitivo veniva ritrovato e condotto in caserma.  Al termine dell’operazione sono stati sottoposti a sequestro oltre 600 pezzi di materiale contraffatto, unitamente all’autovettura utilizzata quale magazzino mobile dall’improvvisato commerciante che, a sua volta, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per aver commesso il reato di ricettazione, previsto e punito dall’art. 648 del codice penale. L’attività di servizio svolta costituisce ulteriore testimonianza del costante presidio economico-finanziario esercitato dal Corpo sul territorio, significativamente e continuamente intensificato in occasione del consueto mercato settimanale - importante punto di riferimento per tutte le attività commerciali itineranti dell’intero comprensorio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©