Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Mancano pochi giorni allo scadere dei termini

Beffa Parmalat: con la prescrizione, niente risarcimenti


Beffa Parmalat: con la prescrizione, niente risarcimenti
08/04/2011, 19:04

MILANO - C'è una enorme e dolorosa beffa in arrivo per 80 mila persone che a suo tempo investirono nella Parmalat e si trovarono senza un centesimo: sta per arrivare la prescrizione dell'ultimo dei reati ascritti alla responsbailità delle banche, l'aggiotaggio. Grazie alla legge ex Cirielli, che nel 2005 taglio la prescrizione per tutti i reati, per questo reato i tempi sono fissati in 7 anni e mezzo. Il 18 dicembre 2003 è la data in cui, secondo l'accusa, è scattato il reato (l'aggiotaggio è quello che viene definito un "reato puntuale", cioè che inizia e finisce in uno stesso momento) e quindi il 18 aprile 2011, cioè tra una decina di giorni, scatta la prescrizione. E con essa, tutti i risparmiatori costituitisi Parte civile (circa 40 mila, assistiti da due avvocati), dovranno dire addio alla possibilità dei risarcimenti. SI tratta di persone che, in massima parte, hanno già avuto un risarcimento, anche se molto parziale, grazie ad un accordo transattivo con le banche; ma questa causa poteva farli rientrare nella completezza dei soldi investiti. Invece questa possibilità ora viene negata per sempre. Infatti, non è possibile neanche fare una causa civile contro le banche, per questo.
Fanno eccezione solo 1200 persone che, non avendo firmato gli accordi con le banche, potrebbero procedere per via giudiziaria

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©