Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Assemblea Generale della Pontificia Accademia per la Vita

Benedetto XVI: "L'aborto inganna le donne"


Benedetto XVI: 'L'aborto inganna le donne'
26/02/2011, 15:02

Papa Benedetto XVI ha ricevuto in udienza i partecipanti alla XVII Assemblea Generale della Pontificia Accademia per la Vita, e in questa occasione ha voluto mandare un messaggio ai medici riguardo l’aborto.

“La donna viene spesso convinta, a volte dagli stessi medici, che l'aborto rappresenta non solo una scelta moralmente lecita, ma persino un doveroso atto 'terapeutico' per evitare sofferenze al bambino e alla sua famiglia, e un ingiusto peso alla società” – ha detto il pontefice – “Ma i medici non possono venire meno al grave compito di difendere dall'inganno la coscienza di molte donne che pensano di trovare nell'aborto la soluzione a difficoltà familiari, economiche, sociali, o a problemi di salute del loro bambino”.

“E’ necessario” – prosegue il Papa – “che la società tutta si ponga a difesa del diritto alla vita del concepito e del vero bene della donna, che mai, in nessuna circostanza, potrà trovare realizzazione nella scelta dell'aborto. La società è invece anestetizzata a tollerare gli ‘attentati alla vita umana’. Un particolare richiamo va a tutti i padri che spesso lasciano sole le donne incinte”.

Durante il discorso è stata toccata anche la problematica della sindrome ‘post abortiva’. “Un dramma che riguarda molte donne” – dichiara Benedetto XVI – “che risale alla ferita gravissima che la donna subisce ogni qualvolta l’azione umana tradisce l’innata vocazione al bene dell’essere umano e alla vita”.

Il Papa ha poi concluso il suo intervento con la lettura di un testo di Giovanni Paolo, riferito all’argomento trattato: “La Chiesa sa quanti condizionamenti possono aver influito sulla vostra decisione, e non dubita che in molti casi s'è trattato d'una decisione sofferta, forse drammatica. Sappiate comprendere quello che avete fatto perchè la vostra testimonianza sarà utile nella battaglia per la vita”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©