Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fratellastro del Boss rischia il processo

Beneduce aiutato nella latitanza da Ferro: udienza preliminare


Beneduce aiutato nella latitanza da Ferro: udienza preliminare
23/06/2010, 11:06

POZZUOLI (NA) - Antonio Ferro, fratellastro di Gaetano Beneduce, l'ex "primula rossa", potrebbe essere processato. L'accusa a suo carico è di favoreggiamento personale e falsificazione di documenti. Beneduce durante la sua latitanza avrebbe usato la carta d'identità di Ferro, sostituendo la foto, favorendogli la fuga dalla Giustizia.
Latitanza terminata lo scorso autunno, quando il boss del Rione Toiano, sede operativa puteolana di Beneduce, quando gli uomuni del maggiore D'Aloia lo trovarono a bordo di un treno proveniente da Ventimiglia, suo rifugio dopo la scomparsa da Pozzuoli, avvenuta nel 2006.
Ferro, come Beneduce, è seguito dal penalista De Rosa Domenico.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©