Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Lo rivela un'inchiesta di Quattroruote

Benzina, i parlamentari ignorano il prezzo


Benzina, i parlamentari ignorano il prezzo
25/10/2011, 19:10

ROMA - Il caro vita, l’aumento della benzina hanno reso insonni le notti di tantissimi italiani, ma non quelle dei parlamentari. La solita accusa qualcuno potrebbe pensare. Beh, questa volta ci sono le prove e a mettere nero su bianco è un’ inchiesta di Quattroruote, che ha interrogato i politici sul costo di un litro di benzina. Quanto è emerso la dice lunga: il 50% non ha saputo indicare il costo esatto della benzina, due su tre non conoscono il prezzo del gasolio, né la componente fiscale che grava sui carburanti. C'è chi ha citato i prezzi di sei anni fa, chi ha esagerato e chi, invece, ha del tutto eluso la domanda. Qualcuno, come i ministri Brunetta e La Russa, ha persino rifiutato di rispondere. Sinceri, invece, Antonio Di Pietro e Walter Veltroni che hanno ammesso di non conoscere la risposta alla domanda. E ancora: per il ministro Paolo Romani la benzina costa circa 1,46 euro; Pierferdinando Casini, invece, ha provato a giustificarsi: “Guido poco e ho solo una vecchia Punto”, ha risposto

Strano si, ma vero. Quello che noi ci chiediamo, pensando alla costituente fiscale è: non è conseguenza diretta delle scelte del governo? Non dovrebbero essere proprio i nostri parlamentari a conoscerla bene?Forse a fine mese i conti per loro non sono un problema...

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©