Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Beccati per 9 giorni consecutivi su 10 monitorati

Bergamo: poliziotti e soldati in servizio andavano a giocare con le slot machine, indagati


Foto di archivio
Foto di archivio
23/11/2012, 17:46

BERGAMO - Sette poliziotti della squadra Volanti, uno dell'ufficio immigrazione (era stato "prestato" al servizio di pattugliamento cittadino) e tre militari dell'esercito hanno avuto un avviso di garanzia con conseguente iscrizione al registro degli indagati da parte della Procura di Bergamo. Secondo quanto è stato accertato, avevano l'abitudine di lasciare la Volante di pattuglia parcheggiata in mezzo alla strada per infilarsi in un paio di locali dove si mettevano a giocare col videopoker; questo in ore di servizio. 
Le accuse sono di truffa ai danni dello Stato e di violazione di una specifica legge che vieta l'abbandono del servizio. Il tutto aggravato dal concorso nel reato, di aver interrotyto il pattugliamento assegnato e cose del genere. 
Tutto è nato da una segnalazione anonima pervenuta in Questura. L'ondagine è stata assegnata alla stessa Squadra Mobile, che ha avviato le indagini, facendosi innanzitutto consegnare le registrazioni della videocamera di sicurezza dei locali dove gli 11 andavano a giocare. E qui è stato verificato che su 10 giorni, in 9 qualcuno di loro andava a giocare. DI solito era un solo equipaggio alla volta, ma in un caso erano ben quattro poliziotti, cioè gli equipaggi di due volanti. E in un altro caso ad andare a giocare è stata una delle cosiddette "pattuglie miste", formate da tre soldati e un poliziotto (in questo caso era quello dell'ufficio immigrazione), che sono entrate nel locale per un'ora e mezzo. 
Naturalmente per ora si è ancora in fase di indagini, è tutto da verificare. Ma lasciare fette del Comune senza alcun controllo, come hanno fatto questi esponenti delle forze dell'ordine e coloro che li hanno coperti - cioè che sapevano e tacevano - è una dimostrazione di quanto stia scendendo in basso il prestigio della Polizia stessa. E per colpa di coloro che ne fanno parte. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©