Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una ordinanza vieta di giocarci dopo le 22

Bergamo: sindaco contro i calciobalilla, "Troppo rumore"


Bergamo: sindaco contro i calciobalilla, 'Troppo rumore'
07/08/2010, 10:08

VILLA D'OGNA (BERGAMO) - E' guerra tra il sindaco di Valle d'Ogna, comune in provincia di Bergamo, e i cittadini. Oggetto del contendere, i calciobalilla, che il sindaco giudica eccessivamente rumorosi. Troppo per poter essere usati la sera nei bar. E quindi da qui l'ordinanza: niente calciobalilla dopo le 22 dal lunedì al giovedì e dopo le 24 dal venerdì alla domenica. E soprattutto è vietato istallare dei calciobalilla all'esterno dei locali. Altrimenti si incorrerà nel reato di disturbo della quiete pubblica.
Ma la cosa non è piaciuta ai cittadini, che hanno cominciato una raccolta di firme, per cercare di far cambiare idea al sindaco, anche perchè la zona è meta di villeggianti estivi, che la sera passano un po' di tempo giocando. E quindi la scelta può creare qualche mancato introito.
Ma soprattutto a protestare è la Fas, una delle quattro società italiane che li producono. E che la la propria sede e lo stabilimento principale proprio a Villa d'Ogna. E che rischia di avere un contraccolpo negativo per questa vicenda, dal punto di vista economico.
Ma il sindaco di Villa d'Ogna, Angelo Bosatelli, non demorde: "Questa vicenda potrebbe essere l'occasione per trovare finalmente una soluzione alla rumorosità dei calciobalilla, utilizzando magari dei materiali diversi"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©