Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' il secondo caso in pochi giorni

Bergamo: vigili del fuoco per togliere da una finestra uno striscione contro Salvini


Bergamo: vigili del fuoco per togliere da una finestra uno striscione contro Salvini
13/05/2019, 13:30

BREMBATE (BERGAMO) - Ancora una volta, vengono utilizzate persone che dovrebbero svolgere un servizio pubblico per svolgere un servizio privatissimo: eliminare le contestazioni contro il Ministro dell'Interno Matteo Salvini. Questa volta è successo a Brembate, in provincia di Bergamo. Una persona ha appeso alla finestra di casa propria uno striscione con la scritta "Non sei il benvenuto",riferito alla visita di Salvini prevista per oggi. Ma dopo un po' è stata avvicinata una autoscala dei vigili del fuoco che ha strappato lo striscione. E questo in una zona che da giorni è flagellata dalla pioggia insistente. E si presume che i vigili del fuoco debbano essere impiegati per aiutare la popolazione, per salvare le persone dagli allagamenti. Non essere al servizio della propaganda di Salvini. 

E' il secondo caso in pochi giorni. Durante lo scorso week end, quando il Ministro dell'Interno scese in Campania, è successa una cosa simile. Una signora aveva esposto uno striscione di contestazione pacata contro Salvini e la Polizia è entrata in casa della signora per strappare lo striscione. Ma le forze dell'ordine dovrebbero ricordarsi che il loro dovere non è obbedire agli ordini di un tizio qualunque, ma far rispettare le leggi. E la legge suprema è la Costituzione, che garantisce la libertà di espressione a chiunque. Anche a chi contesta Salvini. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©