Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sgarbi propone l'acquisto della "Conversione di Saulo"

Berlusconi: 100 milioni per un Caravaggio, la furia dei milanisti


Berlusconi: 100 milioni per un Caravaggio, la furia dei milanisti
15/06/2010, 18:06

ROMA - Voci, smentite, possibilità, consigli e malumori dei sempre più inviperiti tifosi milanisti hanno da subito caratterizzato l'eventuale acquisto, da parte di Sivlio Berlusconi, della preziosissima "Conversione di Saulo"; opera del Caravaggio per ora di proprietà della contessa di Odescalchi ma alla quale, smentite di Palazzo Chigi a parte, il premier sembra interessato.
Nella potenziale trattativa è intervenuto anche il neosoprintendente al Polo Museale Speciale di Venezia Vittorio Sgarbi che, proprio in riferimento al possibile affare, ha commentato: "Se Berlusconi comprasse il quadro, farebbe un'ottima cosa". Si parla di circa 100 milioni necessari per aggiudicarsi il bellissimo quadro e, a tal proposito, Sgarbi osserva:"Mi sembra un'offerta giusta, Caravaggio e' l'unico pittore antico che puo' ambire a quelle quotazioni". In ogni caso, l'ex sindaco di Salemi, afferma anche di non aver avuto nessuna notizia dal Cavaliere in merito alla tanto dibattuta questione. Sgarbi continua però a sollecitare le curiosità dei cronisti e le ire dei milanisti prodigandosi in consigli specifici validi per l'acquisto. Una volta comprata l'opera, infatti, per il critico d'arte "sarebbe ottimo se la lasciasse a Roma ma anche se la portasse a Milano. Perche' in Lombardia oggi non c'e' nulla di Caravaggio che pure era lombardo".
"Berlusconi - 
osserva in ultimo Sgarbi - potrebbe dire, 'non mi faccio la prelazione contro ma lo faccio vedere come in un museo".
La notizia, riportata da molti quotidiani, è giunta in giornata al gruppo facebook di 28.000 supporter rossoneri che chiedono da mesi la cessione della squadra da parte del Premier e le reazioni, come intuibile, non sono state sicuramente positive. Da qualche tempo, difatti, i sostenitori del Milan accusano Berlusconi di non voler più investire cifre significative per rinforzare quella che resta comunque una delle squadre più blasonate del mondo. A tentare di stemperare gli animi, però, arriva una nota della presidenza del consiglio che precisa con chiarezza che "Il presidente Silvio Berlusconi non ha mai pensato di acquistare alcun dipinto di Caravaggio, nonostante le voci infondate apparse stamani su alcuni quotidiani. Pertanto, non risponde affatto al vero l'indiscrezione che sia in corso una trattativa con la principessa Odescalchi, verso la quale il presidente Berlusconi nutre stima e simpatia, proprietaria del dipinto in questione".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©