Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Mentre oggi due sfollati sono rimasti intossicati nel camper

Berlusconi a L'Aquila, un altro spot elettorale


Berlusconi a L'Aquila, un altro spot elettorale
04/11/2009, 12:11

L'AQUILA - Ventitreesima visita del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a L'Aquila, dal 6 aprile, giorno in cui la zona fu devastata da un terremoto. Naturalmente Berlusconi si terrà ben lontano dalle tendopoli, dove circa 5000 persone si stanno congelando, in quanto non gli viene consentito di tornare a casa o di entrare nelle case provvisorie - che non ci sono - ma possono scegliere solo se restare in tenda o spostarsi in un albergo situato ad una distanza oscillante dai 70 ai 100 chilometri da L'Aquila. Il programma della giornata del premier pervede il pranzo nella sala mensa della caserma della Guardia di Finanza di Coppito, poi un incontro con il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso. Poi incontrerà il Segretario della CEI per firmare un protocollo di intesa; dopo di che andrà a presenziare alla consegna di altre poche case ad alcuni sfollati.
Intanto cominciano ad esserci le vittime causate direttamente o indirettamente dal freddo. In questo caso si tratta di una coppia, che viveva in un camper nei pressi della propria abitazione. Avevano avuto il permesso dalla Protezione Civile di rientrare, ma le crepe presenti nei muri avevano consigliato loro prudenza. Così avevano portato sotto casa un camper, in cui andare a dormire, Ma durante la notte scorsa, la stufa che usavano per riscaldarsi ha cominciato a produrre troppa anidride carbonica e i due sono rimasti intossicati: la donna è morta; l'uomo è ricoverato in gravi condizioni in ospedale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©