Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

BERLUSCONI A NAPOLI: FIRMATO IL CONTRATTO PER IL TERMOVALORIZZATORE DI ACERRA


BERLUSCONI A NAPOLI: FIRMATO IL CONTRATTO PER IL TERMOVALORIZZATORE DI ACERRA
13/11/2008, 17:11

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha sottoscritto con il presidente di A2A Giuliano Zuccoli il contratto di affidamento del termovalorizzatore di Acerra. Alla firma hanno partecipato il sottosegretario all’Emergenza rifiuti Guido Bertolaso ed il suo vice Giuseppe Giannini. Berlusconi ha confermato che la prima linea dell’impianto di Acerra entrerà in funzione a gennaio 2009, mentre la seconda e la terza a febbraio e marzo. “Questo è il primo atto, un pilastro su cui costruire la raccolta e lo smaltimento industriale dei rifiuti per Napoli e la Campania” – così il premier ha commentato l’accordo. “Questo - ha aggiunto - è il primo di 5 termovalorizzatori, il primo stadio entrerà in funzione già a gennaio.” Berlusconi ha espresso soddisfazione per il fatto che la società che ha avuto in gestione il termovalorizzatore sia un’azienda italiana, la A2A appunto. “E’ una società - ha sottolineato - che ha un grande know how e che è quotata in borsa ed è una società su cui puntiamo molto per la realizzazione di altri impianti.” La speranza, ha proseguito Berlusconi, “è che questa società voglia essere battistrada per altre società continentali ed europee perché il problema dei rifiuti richiede grandi capitali e  grandi professionalità”. “Con questo atto - ha concluso Berlusconi, parlando a palazzo Salerno, sede del Comando logistico del Sud - noi abbiamo davvero dato il via alla normalizzazione di un servizio che è importante per la Campania e per tutta l’Italia.” In questa fase di crisi economica, ha inoltre suggerito il premier, le aziende possono realizzare interessanti profitti investendo nello smaltimento dei rifiuti: “Gli impianti per lo smaltimento – ha spiegato Berlusconi - possono essere capaci di dare profitti che, con l’attuale crisi, non è assolutamente un elemento da sottovalutare.”
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©