Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il Giudice ha ordinato niente Tv in aula

Berlusconi: due anni di interdizione dai pubblici uffici


Berlusconi: due anni di interdizione dai pubblici uffici
19/10/2013, 10:55

MILANO - In Corte d'Appello di Milano è iniziato questa mattina il processo per il ricalcolo della pena accessoria per Silvio Berlusconi. Infatti, quando la Corte di Cassazione ha confermato la condanna di Berlusconi a 4 anni di reclusione per frode fiscale, rinviò alla Corte d'Appello il ricalcolo della interdizione dai pubblici uffici. La condanna prevedeva 5 anni di interdizione, mentre per i reati fiscali è prevista una condanna tra 1 e 3 anni. 
E infatti il procuratore generale ha chiesto 2 anni di interdizione, mentre la difesa ha chiesto la limitazione ad un solo anno. E' presente Ghedini, mentre al posto del collega Coppi c'è un collaboratore di studio. Alla fine la Corte d'Appello ha deciso di accogliere la richiesta del Procuratore Generale e condannare Berlusconi a 2 anni di interdizione dai pubblici uffici.
Interessante il fatto che il giudice ha proibito non solo la presenza in aula delle telecamere della Tv, ma anche ai giornalisti di usare strumenti diversi dal taccuino e la penna (in pratica, niente smartphone e telefonini per registrare quello che succede in aula. E' evidente l'intenzione di non creare i problemi mediatici che si sono creati con la sentenza della Cassazione e il presidente ANtonio Esposito che ha condannato Berlusconi. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©