Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Non mi sono mai occupato di diritti televisivi"

Berlusconi: "Il processo Mediatrade? Una montatura della sinistra"

Anche questa mattina annunciata folta clacque di Pdl-ini

Berlusconi: 'Il processo Mediatrade? Una montatura della sinistra'
28/03/2011, 09:03

MILANO - Oggi appare confermata la presenza di Silvio Berlusconi in aula all'udienza del processo Mediatrade. Ma appare evidente che si tratta solo di una scelta per una tattica mediatica.
Lo dimostrano le dichiarazioni rese dal premier questa mattina, nel programma "La Telefonata", in onda la mattina su Canale 5, condotta da Maurizio Belpietro. Parlando del processo di oggi, Berlusconi è andato all'attacco dei giudici: "Il processo Mediatrade rientra come quelli precedenti in un tentativo che viene fatto per cercare di eliminare il maggiore ostacolo che la sinistra ha nella conquista del potere. Sono accuse infondate e ridicole. la Procura di Milano ha dimostrato una volontà persecutoria che non si ferma nemmeno davanti all'evidenza e al ridicolo". Aggiungendo poi di non essersi mai occupato della compravendita di diritti cinematografici.
A rafforzare l'effetto mediatico, anche questa volta è annunciata una folta clacque di presunti sostenitori del Pdl in Tribunale. Addirittura una intervista di questa mattina sui quotidiani, annuncia la presenza di 600 persone convocate per l'occasione. Il rischio è quello che vengano organizzati anche provocazioni e tafferugli che il premier potrebbe usare per chiedere il trasferimento del processo per incompatibilità aziendale; manovra che annullerebbe tutto quanto fatto finora nell'ambito del processo stesso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©