Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’ex premier non è più in possesso del passaporto

Berlusconi: negato permesso per congresso Ppe a Dublino

Una fonte giudiziaria: "Applicata la legge"

Berlusconi: negato permesso per congresso Ppe a Dublino
04/03/2014, 14:26

ROMA   - Negato il permesso all’ex premier Silvio Berlusconi di recarsi al congresso del Ppe a Dublino, in programma il 6 e il 7 marzo. "È stata applicata la legge -  ha detto una fonte giudiziaria - . E la legge prevede che l'ex premier non abbia il passaporto: l'ha dovuto riconsegnare dopo la condanna definitiva per la frode fiscale sui diritti tv del gruppo Mediaset.”

Il Partito popolare  europeo  si riunisce  in congresso a Dublino per l'elezione del presidente e per quella del candidato del Ppe alla presidenza della Commissione europea. Per quanto riguarda la presidenza del Ppe, il congresso voterà molto probabilmente la conferma di Joseph Daul.

Già a febbraio Berlusconi aveva detto più volte di voler partecipare al congresso in quanto numero due del partito e che avrebbe quindi chiesto l'autorizzazione ai giudici a Milano. Ma a seguito della condanna  in via definitiva a quattro anni di reclusione (di cui tre condonati dall'indulto) per l'accusa di frode fiscale, in merito a irregolarità nella compravendita dei diritti tv da parte del gruppo Mediaset, all'ex presidente del consiglio è stato ritirato il passaporto  e di conseguenza non  può viaggiare fuori dall'Italia.     

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©