Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il premier in una pausa del processo Mills

Berlusconi: "Nessuno pagherebbe per avere le frequenze TV"


Berlusconi: 'Nessuno pagherebbe per avere le frequenze TV'
19/12/2011, 14:12

MILANO - In una pausa del processo che lo vede imputato per la corruzione del testimone David Mills, l'ex premier Silvio Berlusconi ha parlato con i giornalisti della situazione attuale. Ovviamente, il primo argomento all'ordine del giorno è stato quello che gli sta più a cuore: la possibilità che non gloi vengano più regalate le frequenze TV col sistema del beauty contest, ma che si faccia un'asta aperta a tutti. E qui Berlusconi spara ad alzo zero: "Non credo che ci sia nessuno particolarmente interessato a un investimento per ottenere una frequenza. Io sono fuori ma non ne ho parlato nemmeno una volta con qualcuno a Mediaset o in Rai. Sky ha detto di non essere interessata (falso, Sky ha detto esattamente il contrario: di non essere interessata al beauty contest, ndr), prevedo quindi non ci sia nessuno che possa portare dei fondi importanti, in quanto le frequenze tv non sono un bene che ha mercato. In tutta Europa è così, non sono sottoposte a pagamento". In realtà in tutta Europa sono state fatte aste pubbliche, che hanno resto allo Stato che ha predisposto l'asta da 4 a 15 miliardi per frequenza.
Inoltre si è espresso sulla manovra, dicendo che quella in via di approvazione al Senato è recessiva e quindi sarà necessario farne un'altra. La soluzione per la crisi italiana? La solita delle ultime settimane: trasformare la BCE in un organismo che faccia da prestatore di ultima istanza (e nessuno dei giornalisti che gli chieda come questo possa aiutare l'Italia, che ha una domanda interna che è sottozero da anni, ndr).
Infine si è mostrato sicuro sulla tenuta del Pdl, nonostante all'ultimo voto di fiducia al governo Monti molti deputati si siano sfilati e si siano astenuti. E quando un giornalista gli ha paventato la possibilità che l'ex Ministro delle Finanze Giulio Tremonti si stacchi dal Pdl con una pattuglia di fedelissimi, il Cavaliere ha risposto laconicamente: "Tanti auguri"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©