Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Beppino Englaro: nulla in contrario alla canzone di Povia

Berlusconi non avrebbe parlato così, se avesse visto Eluana


Berlusconi non avrebbe parlato così, se avesse visto Eluana
09/02/2010, 17:02

 
Una situazione irreversibile, quella di Eluana, che non lasciava scampo. E di cui si sarebbe reso conto anche Berlusconi, se avesse accettato l’invito a venirla a vedere, prima della sua fine. A parlare così è Beppino Englaro, padre della giovane morta lo scorso anno dopo lo stop all’alimentazione forzata , durante la registrazione della puntata di “Otto e Mezzo” in onda questa sera su La7. “Se il Presidente avesse visto com’era davvero – spiega Englaro – si sarebbe reso conto che la medicina può creare una situazione che non esiste in natura, che è solo lo sbocco senza uscita di una serie di terapie”.
“Mia figlia era una purosangue della libertà” – prosegue Beppino – e di fronte allo stato vegetativo avrebbe sicuramente detto no grazie, rifiutando l’offerta terapeutica che poi le è stata data”.
Nel ricordare la vita di sua figlia, papà Englaro si è soffermato su un episodio in particolare: “ Eluana aveva molto chiaro ciò che voleva. Un anno prima dell’incidente aveva visitato un amico in queste condizioni ed era terrorizzata all’idea di finire in quel modo”.
Rispetto alla canzone “La verità”, scritta da Povia e presentata al prossimo festival di Sanremo, infine, Beppino Englaro ha detto di aver capito che la vena artistica del cantautore andava nella direzione giusta, e di non avere niente in contrario: “Povia non mi ha chiesto il permesso” – ha concluso – “ ma la canzone non mi dispiace e se avrà successo sarò contento”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©