Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"I veri potenti sono i miei gerarchi"

Berlusconi ricorda Mussolini:"Il capo di governo non ha potere"


Berlusconi ricorda Mussolini:'Il capo di governo non ha potere'
27/05/2010, 20:05

PARIGI - Durante una conferenza stampa organizzata a margine dei lavori dell'Ocse svoltisi a Parigi, Silvio Berlusconi cita i diari di Benito Mussolini ed osserva:"Come primo ministro non ho mai avuto la sensazione di avere del potere, forse come imprenditore qualche volta. Cito una frase di colui che era considerato come un grande dittatore e cioe' Benito Mussolini : dicono che ho potere ma quello ce l'hanno i miei gerarchi io posso solo dire al mio cavallo di andare a destra o a sinistra".
Per il premier, dunque, "chi e' nella posizione di capo del governo di potere vero non ne ha praticamente nulla". visto che "il potere se esiste non esiste addosso a coloro che reggono le sorti dei governo dei vari Paesi".

LA REAZIONE DELL'IDV E DEI VERDI
La citazione del Premier risulta inappropriata all'Italia del valori che, attraverso il proprio portavoce Leoluca Orando, osserva:"Citare Mussolini durante l'incontro dell'Ocse a Parigi e' l'ennesima gaffe internazionale di un capo del governo che scherza su tutto, ormai privo di ogni freno inibitorio". Come riportato anche dall'Ansa, Orlando poi incalza ricordando che ''quello del presidente del Consiglio e' l'atteggiamento di chi vive una profonda condizione di insicurezza. Noi riteniamo che Berlusconi debba dimettersi oppure si debba concedere un periodo di riposo per il bene dell'Italia. Limiti i danni che sta facendo alle credibilita' del nostro paese e ai diritti degli italiani e ci risparmi almeno il saluto romano e la camicia nera".
Molto contrariato e critico anche il commeno del presidente dei Verdi Angelo Bonelli:"Le parole pronunciate da Berlusconi a Parigi suonano come un'umiliazione della democrazia e della Costituzione su cui il presidente del Consiglio ha giurato e che, lo ricordiamo, nasce proprio dalla vittoria sul fascismo.
"Con l'autoparagone a Benito Mussolini - 
conclude Bonelli - Berlusconi conferma la sua tentazione di voler creare le condizioni per una svolta autoritaria, accentrando in sé tutti i poteri, e dimostra che il rischio concreto di una svolta antidemocratica in Italia esiste".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©