Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

L'indagine vede coinvolti Tarantini e Lavitola

Berlusconi sentito sulla vicenda escort dai Pm di Roma


Berlusconi sentito sulla vicenda escort dai Pm di Roma
14/05/2013, 19:55

ROMA - Pomeriggio in Procura, per Silvio Berlusconi. Che è stato convocato per oggi dal magistrati che stanno conducendo le indagini per la presunta estorsione compita su di lui da Gianpaolo Tarantini con la mediazione di Valter Lavitola. Berlusconi - che in tale procedimento è testimone indagato in reato connesso - si è presentato accompagnato dai suoi avvocati, Piero Longo e Nicolò Ghedini; ed è rimasto tre ore a rispondere alle domande. 
In base a quanto si è saputo, avrebbe confermato quanto detto sui giornali: i 500 mila euro consegnati a Tarantini sono stati un aiuto dato ad un imprenditore in difficoltà , e come tale gli era stato segnalato da Lavitola. Invece, secondo i magistrati, Tarantini avrebbe ricevuto quei soldi come prezzo per il proprio silenzio; cioè per non andare dai magistrati a raccontare i rapporti esistenti tra i due, in particolare a proposito delle "forniture" di escort che circolavano Villa Certosa. Per intenderci, tra queste c'era anche Patrizia D'Addario, colei che ha dato il la ai processi contro i cavalieri sui suoi reati a sfondo sessuale. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©