Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"La 194 è una buona legge"

Bersani su aborto:"La destra strumentalizza la Chiesa"


Bersani su aborto:'La destra strumentalizza la Chiesa'
23/03/2010, 19:03

LATINA  - "Noi rispettiamo il messaggio della Chiesa, mentre non mi sembra che il centrodestra faccia altrettanto: vedo dichiarazioni della maggioranza non rispettose dell'autonomia della Chiesa"; così Pier Luigi Bersani, durante il suo lungo giro tra le bancarelle del mercato di Latina. Le parole pronunciate dal Cardinale Bagnasco sull'aborto e quindi sulla legge 194 avevano infatti aumonticamente fatto pensare ad un vigoroso monito rivolto dall'influente prelato ad Emma Bonino. Il segretario nazionale del Partito democratico tenta però di gettare acqua sul fuoco e, quando i cronisti gli fanno notare la possibile  correlzione "no-all'aborto-no alla Bonino", risponde così:"io ho un'opinione diversa anche se non sottovaluto che il richiamo sia avvenuto in piena campagna elettorale".
"C'è stato -
ha poi continuanto Bersani - il ribadimento delle posizioni della Chiesa in modo marcato sui temi etici e sociali: la risposta tocca ora alla politica ed ai candidati". Dopo la risposta-non risposta il leader del Pd si lancia in una convinta difesa della legge che regolamenta l'aborto:"Noi pensiamo che la legge 194 sia stata una buona legge che ha portato alla diminuzione del 40% del numero degli aborti. Noi siamo impegnati per mettere risorse per applicare la parte preventiva di questa legge, e ricordo che le Regioni guidate da noi hanno speso più di tutte le altre per la prevenzione".
E sulla Ru846 Bersani chiosa:"è una tecnica meno invasiva, che va applicata nell'ambito della legge 194. Io non penso - ha osservato - che la sofferenza della donna sia un elemento preventivo. Prima della 194, infatti, c'era tanta sofferenza ma c'erano anche tanti aborti. Quindi puntare sulla responsabilità della donna è il modo migliore per fermare un fenomeno che colpisce ancora oggi". Emblematica la conclusione del discorso, con un un lampante esempio dell'oramai legendario "maanchismo" tanto caro al Pd:"Noi siamo aperti - ha infatti sostenuto Bersani - al confronto con la Chiesa sui temi antropologici, anche perchè la Chiesa per prima ha visto i rischi di una manipolazione della vita umana da parte dell'uomo. Anche noi - ha  poi concluso - siamo pensosi su questi temi, e pensiamo che, fatti salvi i grandi principi, occorre lasciare alla politica la possibilità di decidere per il bene comune".
E così, se la destra strumentalizza la chiesa, il presunto centrosinistra tenta disperatamente di non scontentare le gerarchie ecclesiastiche e, contemporaneamente, di strizzare l'occhio agli elettori più "progressisti" (e magari atei). Il risultato? Ce lo diranno le elezioni oramai alle porte.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©