Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vincenzo Falanga, 29enne, arrestato a Boscoreale

Beve candeggina per fuggire ad arresto


.

Beve candeggina per fuggire ad arresto
06/04/2010, 13:04

TORRE ANNUNZIATA – I carabinieri della caserma di Torre Annunziata in azione nella notte. I militari oplontini hanno stretto le manette ai polsi ad un sorvegliato speciale di Boscoreale. Si tratta di Vincenzo Falanga  classe 1981, residente a Boscotrecase. Falanga, pregiudicato,  è stato tratto in arresto per inosservanza alle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale con l’obbligo di soggiorno alle 23.30 di ieri notte.  L’uomo è stato intercettato dai carabinieri all’interno del rione popolare “Piano Napoli” di Boscoreale, fuori dal comune di residenza. Il 29enne è il figlio del boss ‘o castagnaro, capo del clan dei Felice-Falanga, famiglia camorristica del vesuviano decapitata negli scorsi anni dalle forze dell’ordine ed ora non più operante sul territorio. L’arresto è avvenuto in seguito a una breve fuga. Falanga, alla vista dei carabinieri, ha difatti provato a sottrarsi all’arresto. Prima si è dato alla fuga a piedi nel tentativo di seminare i militari. Poi ha provato l’estremo tentativo di ingerire della candeggina e scagliarsi contro un vetro procurandosi delle lesioni personali. Questo per evitare la cella, passando quantomeno per le cure mediche dell’ospedale. Tentativo riuscito solo in parte. I carabinieri, agli ordini del capitano Luca Toti, hanno infatti tratto comunque in arresto Vincenzo Falanga. Espletate poi le formalità di rito e le operazioni di fotosegnalamento, l’arrestato è stato tradotto presso l’ospedale psichiatrico di Gragnano.
 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©