Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È di 7 morti e 90 feriti il bilancio. Ma potrebbe cambiare

Bielorussia, esplosione metro: sospetto attacco terroristico

Proseguono le analisi sulle dinamiche dell’accaduto

Bielorussia, esplosione metro: sospetto attacco terroristico
11/04/2011, 20:04

MINSK - È salito ad almeno sette il numero dei morti accertati in seguito all’esplosione avvenuta oggi nella metropolitana di Minsk: lo ha riferito la televisione di Stato bielorussa, secondo cui i feriti ammontano invece a novanta, oltre la metà dei quali ricoverati in ospedale. La deflagrazione, che pare sia avvenuta mentre passavano due treni, si è verificata nella stazione di Oktyabrskaya, nel centro della capitale, non lontano dal palazzo dove si trovano gli uffici del presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko. Secondo l’agenzia Interfax, lo scoppio è avvenuto alle 15.55: nell’immediato decine di ambulanze e di servizi di soccorso sono arrivati sul luogo. Numerosi i poliziotti e gli agenti dei servizi segreti (che qui si chiama ancora Kgb), che ancora sono al lavoro. “Le porte del treno si sono aperte e si è sentita un’esplosione”, ha raccontato un testimone. “C’erano persone per terra immobili, ho visto molto sangue”. Altre persone, citate dai media locali, hanno parlato di un lampo seguito da uno scoppio e di macerie che cadevano dal tetto della stazione. Intanto si cerca di fare chiarezza sulle dinamiche di quanto accaduto. È quella di un “atto di terrorismo”, e non di un mero incidente, la pista ritenuta più probabile al momento dagli inquirenti bielorussi. A riferirlo sono state fonti riservate delle forze di sicurezza: “I segni esteriori, la natura stessa delle lesioni inferte alle vittime”, hanno infatti spiegato, “puntano nella direzione di un attentato”. E qualora questa ipotesi dovesse essere confermata si tratterebbe del primo attentato su vasta scala di cui la città sia mai stata teatro.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©