Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La piccola morta per ipertermia

Bimba uccisa dal troppo calore di un asciugacapelli


Bimba uccisa dal troppo calore di un asciugacapelli
12/01/2012, 18:01

USA – Una giovane madre di appena 20 anni è stata accusata di omicidio colposo dopo che – in una notte alquanto fredda – ha lasciato un phon acceso sul letto vicino alla culla dove la piccola dormiva. Brigit Hippen – questo il nome della donna - per evitare che la sua bimba soffrisse il troppo freddo ha pensato, per l’appunto, di lasciare l’asciugacapelli acceso a poca distanza dal corpicino della bimba per poterlo riscaldare. Secondo i referti dei medici la temperatura corporea della bambina si sarebbe elevata a dismisura in quanto la coperta nella culla avrebbe agito come un forno, raggiungendo la temperatura di circa 42 gradi. Ora la giovane mamma rischia una condanna dai 2 agli 11 anni di carcere.
Il Procuratore Distrettuale di Reno della Contea di Keith, Schroeder ha dichiarato: “Questo caso va ben oltre la negligenza ed è per questo che chiediamo l’omicidio colposo”. In disaccordo, invece, il legale della Hippen, David Harger che, nel difendere la sua cliente, ha parlato di “tragico incidente”. L’avvocato Harger ha raccontato che la giovane donna aveva lasciato acceso l’asciugacapelli nella convinzione che il calore e il suono dell’aggeggio elettrico, posto a poca distanza, avrebbero dolcemente cullato la bambina nel sonno. La signora Hippen e il padre della bambina, nel frattempo, sarebbero andati in un’altra stanza della casa a guardare un film per poi, fatalmente, addormentarsi.
La Hippen, che vive nella città di  Hutchinson, in Kansas, a detta del suo avvocato, è letteralmente sconvolta ma potrebbero però, grazie ad alcune leggi vigenti nello Stato, beneficiare della libertà vigiliata. “Ad ogni modo si taglia, questa è ancora una tragedia per tutti i soggetti coinvolti”, ha detto il procuratore distrettuale Schroeder.
Brigit Hippen affronta accuse penali anche in un altro processo, con l’accusa di violenza nei confronti di un’altra donna, a cui avrebbe anche danneggiato l’auto perchè accusata di aver ballato con il suo compagno. La sentenza per l’omicidio colposo della figlia della Hippen sarà invece letta il prossimo 24 febbraio.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©