Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

In manette anche il padre; si cercano altri coinvolti

Bimbe di 7 e 5 anni stuprate e seviziate: 2 arresti


Bimbe di 7 e 5 anni stuprate e seviziate: 2 arresti
20/11/2009, 19:11

ACERRA – Denutrite, costrette a vivere in condizioni di degrado totale, cedute ad altri come un giocattolo sessuale. Era questa la terribile vita di due bambine di 7 e 5 anni, allontanate dal nucleo familiare circa un anno fa grazie all'intervento dei servizi sociali viste le condizioni di estremo disagio fisico e psichico in cui versavano. Le bimbe, una volta affidate ad una nuova famiglia, hanno avuto il coraggio e la forza di raccontare le continue violenze sessuali e i maltrattamenti psico-fisici a cui erano sottoposte. Denutrite, sottopeso e piene di infezioni, venivano violentate ripetutamente dal padre, un algerino 42enne, che spesso le cedeva anche ad altre persone. Come fossero giocattoli, bambole. Il genitore, R. H., è stato tratto in arresto dalla Squadra Mobile di Napoli, insieme a G. A., 68enne di Acerra: entrambi sono ritenuti responsabili di violenza sessuale aggravata ai danni delle due bambine, M. e S., che all’epoca dei fatti avevano rispettivamente 7 e 5 anni. Le violenze, hanno appurato gli inquirenti, sono andate avanti fino al mese di ottobre 2008. Le piccole venivano violentate sia nell’abitazione dove vivevano sia in casa di altre persone, dove venivano condotte dal padre.
Durante le indagini, avviate dal personale della quarta sezione della Squadra Mobile, è emerso che gli indagati hanno dimostrato una forte propensione a soddisfare i propri desideri sessuali, manifestando “assoluta indifferenza”, sottolinea la Procura di Nola, verso le sofferenze procurate alle due bambine. Le hanno raccontato di abusi consumati con violenza anche separatamente, e di essere state costrette ad assistere agli stupri. Gli arrestati sono stati rintracciati dalla polizia nelle rispettive abitazioni, nella provincia di Napoli. Ma le indagini proseguono per identificare altri soggetti coinvolti nella vicenda.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©