Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bimbi abbandonati ad Aosta: emerge passato tragico


Bimbi abbandonati ad Aosta: emerge passato tragico
22/04/2009, 17:04

Emerge una storia orribile dietro l'abbandono di tre bambini in una pizzeria di Aosta da parte della madre, la ventiseienne tedesca Caterina Remhof, e del compagno di 24, Sascha Schmidt. Il padre naturale dei piccoli, si e' appreso dalla Germania, sta scontando una condanna a due anni e otto mesi di carcere per lesioni mortali ai danni di una quarta figlia, deceduta in seguito ai suoi maltrattamenti. La bimba mori' nel 2006, quando aveva appena sette settimane. La condanna era stata pronunciata il 21 giugno 2007 dal tribunale di Siegen. Il padre, all'epoca ventottenne, fu giudicato colpevole di aver provocato la morte della neonata scuotendola violentemente. In quella circostanza il tribunale non aveva ritenuto necessario togliere la custodia degli altri due figli all'uomo e alla moglie. Stavolta, pero', le autorita' sono intervenute. Un tribunale tedesco ha revocato alla madre la potesta' sui tre figli - una bimba di quattro anni e due maschietti, uno di sei anni e l'altro di sette mesi - per "comportamento irresponsabile". Con una procedura d'urgenza, la corte di Lennenstadt ha revocato il diritto di custodia dei bambini. Era stata l'ambasciata tedesca in Italia a segnalare immediatamente il caso al Bundeskriminalamt, l'Ufficio federale anticrimine, che a sua volta ha allertato il tribunale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©