Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bimbi morti, Santori (PDL): non vincolare sgomberi ad assistenza


Bimbi morti, Santori (PDL): non vincolare sgomberi ad assistenza
07/02/2011, 10:02

“Le negligenze sull’emergenza nomadi sono purtroppo degenerate in tragedie. In qualsiasi paese civile e di diritto vige l’istituto delle dimissioni per chi è ritenuto responsabile del decesso dei 4 bambini sulla via Appia Nuova” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, in merito all’incendio in zona Tor Fiscale di una baracca all’interno di un insediamento abusivo.

“A quanto pare le politiche sino ad ora adottate nei riguardi del problema rom sono insufficienti, sia sul versante degli sgomberi che su quello dell’assistenza. In altri paesi europei non sarebbe ammissibile consentire il proliferare di baraccopoli in ogni dove, sia per un discorso di sicurezza degli occupanti, sia dei residenti dei quartieri ove persistono gli insediamenti, senza contare l’aspetto legato prettamente al decoro urbano – continua Santori.

“Basta demagogia. Del problema legato al flusso incontrollato di nomadi nella Capitale, delle loro fonti di approvvigionamento e della reale possibilità di accoglienza se ne è parlato fin troppo. Alle azioni devono necessariamente seguire i fatti. L’unica strada per risolvere il problema rimane l’espulsione coatta per chi commette reati o non è in grado di permanere nel territorio nazionale in quanto, non avendo una residenza né un lavoro, occupa abusivamente aree della città. E’ necessario, poi, modificare la strategia dell’amministrazione che vincola gli sgomberi degli insediamenti all’assistenza nelle strutture di accoglienza. Non prendiamoci in giro. L’afflusso dei nomadi è troppo consistente per essere completamente oggetto di assistenza e le risorse sono limitate. Serve una linea dura, altrimenti le tragedie di Via Morselli dello scorso agosto e Via Appia Nuova apriranno la strada a tanti altri drammi”. – conclude Santori.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©